Toninelli: “Ritiro della patente per chi usa lo smartphone alla guida”

È ancora fresco nella memoria di tutti il tragico incidente avvenuto a Bologna, circa il quale si sta tentando di capire, attraverso l’acquisizione dei tabulati telefonici, se possa essere stato causato da una distrazione dovuta all’uso dello smartphone.

A prescindere dal caso in questione, tuttavia, è davvero lampante come la distrazione da smartphone al volante sia una tema parecchio attuale. Capita spesso infatti di imbattersi in guidatori che parlano al telefono, controllano i social, scattano foto e girano video mentre sono al volante. Secondo l’Istat si tratta di una delle prime cause di incidenti stradali ed è in crescita esponenziale.

Per questo motivo il ministro Danilo Toninelli ha lanciato l’ipotesi di integrare il Codice della Strada con una nuova norma, prevedendo il ritiro della patente per chi si distrae con il cellulare.

“È un fenomeno gravissimo, perché ha a che fare con le nostre abitudini più radicate e con l’idea, errata, che in fondo certe cose possano accadere solo agli altri. Ciò rappresenta una tragica sottovalutazione dei rischi. Stiamo ragionando su un inasprimento delle sanzioni, fino all’eventualità del ritiro immediato della patente” – queste le parole di Toninelli, che poi ha aggiunto: “Servono più controlli e una doverosa opera di sensibilizzazione culturale, specie tra i giovani: senza un cambio di mentalità, i risultati saranno sempre parziali”.

Potrebbe anche interessarti