Diabete, scoperta da ricercatori napoletani la proteina che ne aumenta il rischio

Diabete

Nuova importante scoperta sul diabete. Una proteina, appena scoperta, sarebbe da intralcio al funzionamento corretto del tessuto adiposo, esponendo le persone ad un maggior rischio di diabete. La proteina incriminata è PPAR5 ed è la “copia cattiva” della PPAR, proteina fondamentale per il metabolismo. L’azione deleteria di tale proteina è stata svelata da una ricerca condotta da un gruppo di ricerca del CNR di Napoli, in collaborazione con l’Università Federico II di Napoli, l’Università di Lipsia e di Cambridge, che hanno presentato il loro lavoro in occasione del congresso dell’Associazione europea per lo studio del diabete (Easd).

L’obiettivo di questo studio – ha spiegato all’Ansa Marianna Aprile, assegnista di ricerca dell’Istituto IGB-CNR di Napoli – è stato quello di chiarire il ruolo della variante proteica PPAR5, la proteina che mette i bastoni tra le ruote del tessuto adiposo, nell’insorgenza delle disfunzioni di tale tessuto e delle complicazioni metaboliche ad esso associate“.

Questo studio – spiega, invece, Valerio Costa, Ricercatore dell’IGB-CNR – ha aggiunto un importante tassello alla comprensione delle funzioni di PPAR, proteina chiave del metabolismo, e del suo ruolo nelle disfunzioni del tessuto adiposo correlate ad insulino-resistenza e diabete di tipo 2. L’identificazione e la caratterizzazione di una nuova forma difettosa della proteina PPAR apre nuovo scenari nella comprensione del metabolismo, con possibili ricadute terapeutiche“.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più