Il maltempo sta flagellando il Sud: morta una giovane madre con il figlio di 7 anni

Un’ondata di maltempo sta interessando da ieri l’intero Sud Italia, causando anche delle vittime. I violenti nubifragi hanno colpito Lamezia Terme, in Calabria, dove una donna di 30 anni, Stefania Signore, e suo figlio di 7 hanno perso la vita. Risulta ancora disperso l’altro bambino di 2 anni che era con loro. I tre sono stati sorpresi dalle forti piogge mentre erano in macchina e transitavano in zona San Pietro Lametino. Il marito della donna, non vedendoli rientrare a casa, aveva lanciato l’allarme, ma i cadaveri sono stati ritrovati solo stamattina nel torrente.

Una situazione critica che ha spinto il presidente della Regione calabria a chiedere lo stato di emergenza, visto che il maltempo ha aperto un autentico scenario di guerra con persone evacuate e, in alcune zone, messe in salvo grazie ai gommoni. Centinaia le richieste di soccorso, soprattutto a Catanzaro, e disagi registrati per chi viaggia in auto, treni e aerei.

Torrenti esondati, per i forti temporali, anche a Crotone dove diverse famiglie sono state evacuate. L’acqua ha raggiunto il metro e mezzo, in alcune zone, ma c’è stata tensione anche per alcune frane di fango e detriti. Una di queste ha sfondato la parete di un edificio, senza conseguenze per chi vi abitava. Il centro dell’emergenza, però, resta Lamezia Terme dove è anche crollato il ponte delle Grazie, sulla strada provinciale 19, nel comune di Curinga.

Sull’A2 Salerno-Reggio Calabria auto bloccate, mentre sulle strade interne si segnalano diversi smottamenti. Chiuse la statale 18 tirrenica all’altezza di Curinga e più a sud a Pizzo, e la statale 106 jonica, per la piena del fiume Neto. Disagi non solo in Calabria, ma anche in Sicilia e in Puglia. A Catania scuole chiuse e allerta gialla per il violento nubifragio che l’ha colpita nella notte. A Bari, invece, una bomba d’acqua ha bloccato in auto una mamma coi i suoi figli, poi soccorsi.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più