I camorristi minacciano i figli per far entrare i padri nei clan

carabinieri

Lui ne ha contati 48, esclusi ovviamente i boss, e si dice pronto a riconoscerli in fotografia, ad indicarli ai pm che indagano sul malaffare di Pianura. Dice di conoscere uno per uno i quarantotto presunti affiliati del clan che la scorsa primavera ha seminato panico e lutti in una ampia fetta di periferia napoletama e svela alcuni retroscena di una campagna acquisti basata sul terrore: personalmente – spiega il pentito – sono stato costretto a collaborare con loro, di fronte alla minaccia che potessero fare del male ai miei figli. Poi – aggiunge il collaboratore di giustizia – ho anche pensato che potessero avvelenarmi.

A raccontare i retroscena della campagna acquisti della camorra, è il pentito Antonio Ricciardi, un ex gregario delle cosche radicate a Pianura, letteralmente cooptato dal clan Mele, con una mission su tutti: nascondere armi, custodire una sorta di arsenale che sarebbe servito – stando alla ricostruzione della Dda – a chiudere i conti con quelli dei Pesce.

Fonte: Il Mattino

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più