Il barbiere più anziano del mondo è napoletano e ha 107 anni: la storia

Il barbiere più anziano ancora in attività è napoletano. Il suo nome è Anthony Mancinelli e ha 107 anni, vive a New York e da quando avevo 11 anni taglia i capelli.

Il suo segreto per la longevità? Nessuno. Non ha segreti né pozioni magiche. Anzi il suo ossigeno, la sua medicina è il lavoro. Non ha mai smesso di fare ciò che amava perché lo rende vivo e lo fa stare bene. Ai colleghi del New York Times, in un articolo che gli hanno dedicato, afferma di non aver mai fumato o bevuto in maniera spropositata e la sua linea longilinea è assicurata perché mangia solo spaghetti sottili, “per questo- ha aggiunto-non ingrasso”.

Non ha mai sofferto di patologie gravi, anzi va periodicamente dal medico solo perchè i familiari lo costringono. Non si è mai assentato dal lavoro e lavora instancabilmente dalle 12:00 fino alle 20:00 di sera cinque giorni a settimana, stando all’impiedi e senza mai accusare stanchezza. E’ un uomo autonomo, fa tutto da solo, la spesa, le pulizie ed è un amante del wrestling. Solo da pochi anni lavora in questa nuovo negozio di parrucchiere. Infatti “liquidato” dalla precedente attività commerciale, è stato assunto, non con poche titubanze, dal negozio gestito da Jane Dinezza. Oggi la proprietaria è fiera di aver fatto questa scelta perchè Anthony è un instancabile lavoratore, capace di soddisfare tutti i clienti. Si, perchè nonostante l’età, l’ultra centenario si è aggiornato negli anni, mettendosi al passo con le nuove mode.

Nel 2007, è stato riconosciuto dalla Guinness World Records come il più anziano barbiere professionista. record che detiene ancora, e che sarà difficile superare. 

La storia di Anthony è simile a quella di molti emigranti dei primi anni 90′. Nato a Napoli nel 1911, emigra in America all’età di 8 anni, ospite di un parente. Degli otto bambini che popolavano la sua casa, lui è l’unico ancora in vita. A 11 anni si appassiona all’arte del barbiere, e a 12 lascia la scuola per dedicarsi completamente alla sua professione. 

Una delle ragioni per cui continua a lavorare, ha detto, è che lo aiuta a rimanere impegnato e ottimista dopo la morte della moglie di 70 anni, Carmella, 14 anni fa. Lui visita la sua tomba ogni giorno prima del lavoro.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più