VIDEO. Posillipo, è strage di pini: come è cambiato il panorama

Posillipo è destinato a perdere tutto il suo verde per colpa di un parassita. Infatti, almeno un altro centinaio di alberi (in particolare pini) dovranno essere abbattuti, aggiungendosi a quelli già tagliati tra via Lucrezio (chiusa per rischio crolli), via Boccaccio e viale Virgilio. Il parassita incriminato è il Cocciniglia Tartaruga, tipico del Nord America, che sembra aver colpito anche zone periferiche come quella di San Giovanni a Teduccio. Quindi, addio al panorama mozzafiato di Posillipo e spazio a quello desolante fatto di tronchi mozzati e rami sparsi sul ciglio della strada. Una visione spettrale che diventa come un vero e proprio pugno nello stomaco nel guardare il video di Gianni Viano e diffuso da WWF Napoli. La strada sembra un campo di guerra, ma i disagi, però, non sono solo estetici per una parte di città che dovrà ospitare le tanto attese Universiadi del 2019.

Questa situazione non piace a nessuno, ma il taglio netto dei fusti si è reso necessario per debellare il parassita killer. Denominato “cocciniglia tartaruga”, per la particolare morfologia dello scudo delle femmine adulte, il parassita è rassomigliante proprio alla tartaruga. E’ una specie che in ambito europeo non è regolamentata e non rientra in alcuna lista dell’EPPO, ma la sua presenza, in Campania e nel casertano, è stata accertata nel 2014. La sua riproduzione nell’ospite (come ad esempio il pino) causa avvizzimento apicale e comporta alti livelli di mortalità delle piante. Gli insetti producono un’abbondante quantità di melata, che funge da substrato per la crescita di fumaggine, soffocando gran parte delle piante del sottobosco, e in alcune parti del mondo è arrivato a una mortalità del 90%.

Di seguito il video diffuso da WWF Napoli:

Potrebbe anche interessarti