Violenza sulle donne, il Governo vara il “Codice Rosso”: di cosa si tratta

La violenza sulle donne spesso è inascoltata, portando in alcuni casi anche a femminicidi evitabili. Sono tanti i casi in cui le vittime, pur avendo denunciato, infatti, si ritrovano sole perché la giustizia è lenta. Il Governo, quindi, sta cercando di mettere “una pezza” a questa grande falla nel sistema giuridico italiano attraverso un disegno di legge: il “codice rosso”. Il Ddl, che tratta la violenza di genere in generale, è stato promosso dal ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e da quello della Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno, ricevendo il via libera dal Consiglio dei ministri. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha spiegato che sono stanziati 33 milioni per il 2019 destinati a un fondo di emergenza, fondo che sarà gestito dal sottosegretario alle Pari Opportunità Vincenzo Spadafora.

Il Ddl porta con sé tante novità. Il primo punto chiave è la trasmissione immediata delle denunce al Pubblico Ministero. In particolare, la trasmissione, una volta ricevuta la denuncia, non sarà più a discrezione della polizia giudiziaria, costretta a girare subito gli atti al magistrato per evitare che alcune situazioni possano degenerare, intervenendo prontamente con provvedimenti “protettivi o di non avvicinamento”. Inoltre, la vittima va ascoltata entro tre giorni. Obblighi, quindi, anche per il magistrato, che deve subito valutare eventuali procedimenti cautelari a carico dell’aggressore. Lo stesso magistrato, però, può derogare solo in caso di “imprescindibili esigenze di tutela della riservatezza delle indagini, anche nell’interesse della vittima”.

Altro obbligo per la polizia giudiziaria sarà la priorità delle indagini i cui risultati, senza valutare l’urgenza, vanno trasmessi immediatamente al PM. Per le forze dell’Ordine (Polizia di Stato, Carabinieri, Penitenziaria), infine, è prevista una formazione mirata che partirà dall’anno successivo all’entrata in vigore della Legge. I corsi saranno svolti presso istituti specializzati, per fornire agli agenti competenze specifiche per prevenire e reprimere questi reati.

Di seguito il video con la presentazione del Disegno di Legge:

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più