Cristiano Ronaldo patteggia col fisco: “Due anni di carcere”

Si chiuderà il prossimo 14 gennaio a Madrid il contenzioso tributario tra Cristiano Ronaldo e la giustizia spagnola che ha già condannato, nel giugno scorso, l’asso portoghese a due anni, con la condizionale, ed a una multa milionaria. Per quel giorno infatti CR7 è stato convocato dal tribunale spagnolo a comparire per sigillare l’accordo con il Tesoro iberico. Lo scrive oggi ‘AS’.

Secondo quanto riportato dal quotidiano spagnolo, i legali di Ronaldo avrebbero avanzato la proposta di patteggiamento dove si dichiarerebbe colpevole di quattro reati fiscali commessi ai tempi della sua tappa nel Real Madrid, e accetta una pena di due anni di carcere.

Ronaldo ha già versato la multa al Tesoro (la maggior parte pagata il 6 agosto, pari a 13,4 milioni) ma deve ancora comparire in Tribunale e davanti al Procuratore, come prescrive la legge. Il suo avvocato, José Antonio Choclán, cercherà di convertire i due anni con la ‘condizionale’ pagando un’ulteriore ammenda aggiuntiva di 375.000 euro, ma in questo caso la giustizia spagnola non ha ancora dato risposta.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più