Cristiano Ronaldo patteggia col fisco: “Due anni di carcere”

Si chiuderà il prossimo 14 gennaio a Madrid il contenzioso tributario tra Cristiano Ronaldo e la giustizia spagnola che ha già condannato, nel giugno scorso, l’asso portoghese a due anni, con la condizionale, ed a una multa milionaria. Per quel giorno infatti CR7 è stato convocato dal tribunale spagnolo a comparire per sigillare l’accordo con il Tesoro iberico. Lo scrive oggi ‘AS’.

Secondo quanto riportato dal quotidiano spagnolo, i legali di Ronaldo avrebbero avanzato la proposta di patteggiamento dove si dichiarerebbe colpevole di quattro reati fiscali commessi ai tempi della sua tappa nel Real Madrid, e accetta una pena di due anni di carcere.

Ronaldo ha già versato la multa al Tesoro (la maggior parte pagata il 6 agosto, pari a 13,4 milioni) ma deve ancora comparire in Tribunale e davanti al Procuratore, come prescrive la legge. Il suo avvocato, José Antonio Choclán, cercherà di convertire i due anni con la ‘condizionale’ pagando un’ulteriore ammenda aggiuntiva di 375.000 euro, ma in questo caso la giustizia spagnola non ha ancora dato risposta.

Potrebbe anche interessarti