Rischio eruzione Vesuvio e Campi Flegrei: il piano di evacuazione entro febbraio

VesuvioAncora una volta si parla del piano di evacuazione per quanto concerne il Vesuvio e i Campi Flegrei, quest’ultimo ritenuto uno dei più pericolosi vulcani al mondo.

Proprio ieri è stata convocata una riunione a Palazzo Santa Lucia presso cui erano presenti il Capo Dipartimento di Protezione Civile Nazionale, Angelo Borrelli e il Presidente Vincenzo De Luca al fine di concludere quanto prima l’attività di sottoscrizione dei protocolli di gemellaggio tra tutti i comuni dell’area del Vesuvio e Flegrea.

La strategia del piano nazionale di emergenza per il rischio vulcanico prevede il trasferimento degli abitanti più a rischio presso altre Regioni e Province autonome con le quali ciascun comune è gemellato.

Per poter far sì che questo accada nella più assoluta organizzazione e tranquillità, c’è però bisogno che venga prematuramente sottoscritto un protocollo di intesa tra Regione Campania, Comuni e le altre Regioni e Province Autonome.

Finora soltanto la Regione del Lazio ed il Comune di Ottaviano hanno ultimato tutte le attività di competenza.

Ma i Comuni previsti per il gemellaggio sono 30 e per questo bisogna concludere tale operazione quanto prima; l’obiettivo è infatti quello di stipulare tutti gli accordi entro il mese di febbraio.

Infine, Domenico Tuccillo, presidente di Anci Campania, afferma nell’intervista rilasciata a Il Mattino:

Mi auguro che non si arrivi mai all’evacuazione cautelativa di migliaia e migliaia di cittadini dei nostri Comuni a causa delle effettive minacce di flussi piroclastici dal Vesuvio. Ma dobbiamo comunque essere pronti e responsabili. Su questo non si scherza, si tratta di salvaguardare le vite umane dagli effetti di una possibile eruzione. Per questo motivo vigileremo affinché il processo di pianificazione si concluda, rendendo operativi i gemellaggi in tempi certi e prima dell’estate”.

Potrebbe anche interessarti