Bomba alla pizzeria di Sorbillo: “Mi scuso con tutta la Napoli ‘buona’”

Napoli – Una bomba ha danneggiato gravemente la pizzeria Sorbillo ai Tribunali. Erano da poco passate le 2 di stanotte quando un ordigno è esploso fuori dalla storica pizzeria di Gino Sorbillo ai Tribunali, esercizio storico di Napoli. L’esplosione, fortunatamente, non ha causato feriti, ma è stata sufficientemente potente da danneggiare gravemente l’ingresso ed i locali della pizzeria.

L’attacco sembra riconducibile alla criminalità organizzata napoletana. Già 5 anni fa un incendio era stato appiccato all’interno dell’esercizio distruggendo gran parte della struttura: in alcuni tratti le travi sul soffitto apparivano ancora annerite dalle fiamme.

Poco tempo dopo l’esplosione, alle 4 stanotte, il pizzaiolo Gino Sorbillo ha commentato con amarezza l’episodio sui suoi profili social: “Dopo l’incendio di 5 anni fa adesso arrivano anche le bombe… Mi scuso con tutta la Napoli “buona”, l’Italia “buona” e con tutte le persone che vivono onestamente perché certi avvenimenti così forti ed eclatanti fanno cadere le braccia e demoralizzano la società. Sono stato nell’Arma dei Carabinieri ed ho scelto di fare il Pizzaiolo perché amo troppo la mia città e la amerò per sempre. La Napoli “sana” è sempre nel mio cuore.”

Insieme al post il pizzaiolo ha pubblicato anche una foto dove appare avanti alla sua pizzeria con un cartello in mano: “Chiusa per bombe la pizzeria Sorbillo – si legge – (riapriamo presto)”. Ricordiamo che Gino Sorbillo è da sempre attivo per denunciare e combattere i fenomeni di criminalità e di devianza sociali presenti nella nostra città, sempre in prima linea, nel suo piccolo, per lottare in nome della Napoli migliore.

LEGGI ANCHE
Benevento: il marito la tradisce, lei fa esplodere una bomba nella sua azienda

Potrebbe anche interessarti