DeMa: “Il Banco di Napoli è morto, conosciamo già chi sono i responsabili”

De MagistrisNAPOLI – In seguito alle dichiarazioni rilasciate ieri dal presidente della Camera dei deputati Roberto Fico, esprimendo l’auspicio che la vendita del Banco di Napoli possa essere inserita nella commissione di inchiesta parlamentare sulle banche, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha così commentato la proposta del presidente della Camera:

«Parliamo di un cadavere. Credo che la riesumazione dei cadaveri è una cosa che in Italia non si è ancora realizzata. Ben vengano tutte le commissioni d’inchiesta, ma ormai il Banco di Napoli è morto. Ci sono delle responsabilità storiche che uno può analizzare, conosciamo già chi sono i responsabili di quella triste vicenda. Penso, invece, che bisogna lavorare perché ci siano al di là del Banco di Napoli delle banche di prossimità, della banche di territorio, delle banche che non pensano solo alle speculazioni finanziaria ma di stare vicino, per esempio, al piccolo risparmiatore, al piccolo imprenditore, al giovane della startup che vuole investire. Qualche segnale, devo dire, nella città di Napoli c’è, qualche istituto bancario che lavora in questo modo c’è, quelle sono le banche che servono al paese e che stanno vicino a chi vuole investire o a chi sta in difficoltà

 

Potrebbe anche interessarti