Ragazza stuprata in Circumvesuviana, il sindaco: “Presi i tre animali!”

sassi circumvesuviana

San Giorgio a Cremano – Nel tardo pomeriggio di ieri una ragazza è stata violentata da tre aggressori nella stazione della Circumvesuviana di San Giorgio a Cremano. La 24enne di Portici stava tornando a casa quando è stata costretta con la forza ad entrare nell’ascensore che conduce dai binari all’uscita della stazione. Tempo dopo la ragazza è stata ritrovata seduta su una panchina, con i vestiti strappati, mentre a telefono con la madre piangeva e confessava di essere stata stuprata.

Immediatamente è partita la caccia all’uomo per trovare i tre aggressori. La Polizia di Stato locale, sotto la direzione del Dott. Pasquale Toscano e con la collaborazione dell’Eav e del suo presidente Umberto De Gregorio, ha analizzato tutte le telecamere presenti in stazione, fatte installare per volontà dello stesso De Gregorio in ogni fermata.

Tali ricerche hanno portato al fermo di tre persone nelle prime ore del mattino, forse i probabili colpevoli. Al momento non si hanno maggiori informazioni su di loro. Probabilmente altre notizie verranno rilasciate nel pomeriggio. Ad annunciarlo è il sindaco di San Giorgio, Giorgio Zinno, con un lungo post su Facebook. Il primo cittadino non usa mezzi termini ed esordisce con l’annuncio “PRESI I TRE ANIMALI”.

“E’ fondamentale – scrive Zinno – sapere che la nostra città oggi si sveglia consapevole che i mostri esistono, ma che qui vengono immediatamente presi e buttati in cella. La nostra città, come tutte, può essere colpita da balordi che agiscono contro l’essere umano, ma si sappia che qui non ci si ferma mai finché chi delinque non viene punito. Un caldo e commosso grazie va a tutti gli uomini che nella notte hanno lavorato per darci un buon risveglio. Siamo ancora scossi dalla notizia, ma fiduciosi sempre più nella azione della Polizia di Stato sul nostro territorio.”

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più