Video. Napoli, ancora un rogo in pieno centro: rifiuti dati alle fiamme

Nuovi disagi e una crescente paura per gli abitanti del centro partenopeo: nella notte tra martedì e mercoledì in via Cesario Console, a due passi da piazza del Plebiscito, sono stati incendiati due cassonetti della differenziata. A denunciare l’accaduto il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, che ha documentato il rogo con un video pubblicato sul suo profilo Facebook, e il consigliere comunale del “Sole che Ride”, Marco Gaudini.

Non è il primo rogo di rifiuti che si verifica a Napoli in questo periodo. Già a febbraio si era assistito a un fenomeno simile in vico I° Montecalvario, nel cuore dei Quartieri Spagnoli, e solo cinque giorni fa in una delle strade più frequentate del centro partenopeo, via Toledo, sono state incendiate alcune campane della differenziata, creando scompiglio tra i passanti e scatenando le immediate e dure reazioni degli enti locali.

È il secondo episodio in pochi giorniQuesta sequenza di eventi ci preoccupa non poco. Temiamo che dietro i continui roghi di cassonetti possa esserci una precisa strategia volta a determinare una situazione emergenziale“. E mentre le autorità continuano a sospettare delle baby gang, a pagare il prezzo di questi episodi sono i cittadini napoletani. “Al di là del gesto delinquenziale c’è da tenere conto dell’inquinamento dell’etere generato dal fumo, che finisce per investire le strade e le abitazioni. Questi episodi non fanno altro che aumentare il clima di insicurezza che, dopo una certa ora, investe l’intera zona. Dal lungomare a piazza Carità, passando per piazza Trieste e Trento, sono teppisti, malintenzionati e baby gang a farla da padrone“.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più