Dopo Apple e Cisco anche Tim sceglie Napoli: arriva la rivoluzione del digitale al Sud

Nasce a Napoli, nel polo universitario di San Giovanni a Teduccio, il nuovo TIM WCAP, l’hub di open innovation di Tim che avrà l’obiettivo di sperimentare soluzioni in ambito industry 4.0, cyber security, smart city e multi cloud anche attraverso la nuova rete 5G.

Il nuovo polo nasce con una collaborazione tra l’Università Federico II e Cisco Italia e va ad aggiungersi a quelli di Milano, Bologna, Roma e Catania. Uno degli obiettivi è quello di trasformare il digitale nel Sud Italia, selezionando e sviluppando nuove idee e fare da acceleratore delle startup. “Si è accesa oggi la prima cella 5G nel polo universitario il che consente di poter sperimentare tutte le tecnologie 5G che riguardano sia il tema della fabbrica intelligente che quelli dei servizi ai cittadini e delle smart city –  spiega il rettore della Federico II, Gaetano Manfredi  – un nuovo tassello per questo grande ecosistema di innovazione che consente ai nostri studenti di potersi confrontare con le tecnologie più moderne e alle nostre aziende di poter crescere e sviluppare nuovi prodotti“.

All’iniziativa Fulvio Conti, presidente di Tim: “A Napoli c’è una “culla” di iniziative che può essere sviluppata con il nostro apporto che è orientato all’effettivo utilizzo di tecnologie per far migliorare la vita ai cittadini. Ed è con grande gioia che ho visto una struttura molto bella, una quantità di intelligenze che vengono applicate da parte nostra e di tutti i nostri collaboratori e partners con i quali ci associamo. È un momento di sviluppo ulteriore delle tecnologie in previsione dell’arrivo di nuove tecnologie come ad esempio il 5G che diventerà cruciale per lo sviluppo di questo Paese”.