Ciro Esposito, Cassazione esclude la legittima difesa: De Santis sparò per uccidere

I giudici della Suprema Corte hanno escluso la legittima difesa per Daniele De Santis. Fu condannato a 16 anni per la morte del tifoso napoletano Ciro Esposito avvenuta a Roma poco prima della finale di Coppa Italia tra Fiorentina-Napoli nel maggio 2014.

Da un lato, De Santis aveva provocato la situazione di pericolo” e “dall’altro aveva assunto una reazione non proporzionata all’offesa. Pur potendo puntare l’arma o sparare in aria, non l’aveva fatto e risulta avere esploso colpi ad altezza d’uomo (cinque in rapida successione) dei quali quattro andarono a segno“.

Così la Cassazione si è espressa nelle motivazioni depositate della sentenza con cui il 25 settembre scorso ha condannato a 16 anni l’ultrà romanista.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più