Pisacane e Izzo, il post che commuove tutti: “Partiti dalla parte più povera di Napoli”

Abbraccio Pisacane Izzo

Una bella storia, di quelle a lieto fine, suggellata da un abbraccio a fine partita.

Quella di Izzo e Pisacane, che ieri si sono sfidati nella gara delle 12.30 tra Torino e Cagliari, valida per la 32° giornata del campionato di serie A, è una storia difficile, ma che fortunatamente ha avuto un lieto fine.

Dopo la partita, Pisacane, attualmente difensore del Cagliari, attraverso il proprio profilo Instagram, ha dedicato un post al difensore del Torino. La foto era suggestiva e li ritraeva abbracciati. Il post recita così: “Siamo partiti da terra, dai quartieri più poveri della nostra Napoli. Siamo due scugnizzi che attraverso il sacrificio e la dedizione si sono presi ciò che volevano, ribaltando il destino“.

Entrambi i calciatori, provengono dalla periferia di Napoli, dai quartieri più poveri nella zona nord del capoluogo campano. Infatti sono entrambi cresciuti a Scampia dove, fin da bambini, entrambi, giocavano a pallone sull’asfalto, si rincorrevano ed inseguivano il loro sogno, che alla fine hanno coronato. Un quartiere che è salito negli ultimi anni, tristemente alla ribalta, soltanto per la cronaca nera.

Ma i due giocatori, di prendere quella strada, proprio non ne hanno voluto sapere. Infatti, entrambi hanno avuto un passato estremamente difficile. In particolare Izzo, che ha perso il padre fin da quando era un bambino, assumendosi grosse responsabilità, e vivendo grazie all’aiuto del suo procuratore, è riuscito ad evitare la strada della camorra, realizzando il suo sogno.

Il difensore rossoblù, continua il post:Abbiamo superato le avversità che si erano poste tra noi e il nostro obiettivo. Quando c’è un sentimento nessuno può creare disordine al suo interno, il bene alla fine trionfa sempre. E noi ne siamo un esempio“. 

Una bella storia che ha avuto un lieto fine, nonostante grandi difficoltà, per entrambi. Come ha sostenuto  Pisacane, chi crede nei sogni, attraverso il lavoro, la dedizione, il sacrificio e l’umiltà, riesce a realizzarli.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più