Video. Bimbo ucciso di botte, la madre: “Usciva sangue dalla testa, continuava a colpirlo”

Per concorso in omicidio, una settimana fa anche la madre del piccolo Giuseppe, il bambino di Cardito ucciso con 27 bastonate , è stata arrestata. Ieri, la donna è stata una delle protagoniste del noto programma Chi l’ha Visto, in cui è stato reso noto un video della sua deposizione, dove racconta la sua verità riguardante la morte del bimbo, per mano del suo compagno Tony Essoti Badre.

“Tony aveva impugnato una mazza della scopa e togliendo la spazzola cominciava a colpire innumerevoli volte mio figlio Giuseppe. Lo colpiva con innumerevoli pugni al volto, sulla testa, al collo e all’addome. – riferisce la donna durante la propria deposizione – Lo colpiva con schiaffi e calci in ogni parte del corpo. Lo colpiva con la mazza in maniera violentissima. Giuseppe piangeva e urlava, nel bagno è caduto con il volto tumefatto, gli usciva del sangue dalla testa. Giuseppe era a terra tramortito e lui insisteva a colpirlo con la mazza e dei cazzotti”.

“Io ho provato a difenderlo, ma mi ha alzato i capelli e mi ha dato un morso sulla nuca per farmi stare ferma. – continua la madre della vittima –Il bimbo ha provato a difendersi alzando le braccia con il volto insanguinato e lui ancora insisteva a colpirlo. Ho usato due asciugamani per tamponare il sangue, perchè Tony ha colpito ripetutamente anche la sorella alla stessa maniera”.

Non riusciva a stare in piedi e l’ho adagiato sul divano, Giuseppe respirava sempre meno. Dopo tutto questo, Tony è uscito per comprare garze e creme per la medicazione dei bambini. Me le ha consegnate ed è riuscito prima dell’arrivo di sua madre e suo fratello”, dichiara in ultimo la madre. Di seguito, il video della deposizione mandato in onda dalla trasmissione televisiva Chi l’ha Visto:

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più