Attentati contro le sedi della Lega in Campania: paura a Casoria ed Aversa

La politica campana continua a vivere nel terrore degli attentati. Ad essere state colpite questa volta sono le sedi della Lega di Casoria ed Aversa. Tutto è successo all’indomani delle polemiche tra i vertici del partito e il resto delle istituzioni per il 25 Aprile.

E’ di questa notte la notizia di un attentato presso la sede della Lega di Casoria, un grosso centro industriale alle porte del capoluogo campano. Prima dell’alba, è stato dato fuoco alla saracinesca della sede in via Torquato Tasso, non distante dal centro della cittadina. Come combustibile si pensa che i vandali abbiano usato della benzina.

Subito è arrivata la risposta dei vertici del Partito in Campania. “Di giorno festeggiano la libertà e di notte la osteggiano! Questo è il doppio volto dei nostri nemici. Vili, codardi, antidemocratici, che si sottraggono al confronto preferendo lo scontro. Non ci fate paura ma non cadremo nella vostra trappola. Non ci abbasseremo al vostro livello!“. Così ha scritto su Facebook Gennaro Crispino, il responsabile della Lega a Napoli.

Sul luogo è intervenuto anche Angela Russo, la candidata per il Centro-destra nelle prossime elezioni comunali di Casoria. Elezioni che, come sappiamo, si svolgeranno a Maggio in concomitanza con quelle europee.

E’ di pochi minuti fa invece la notizia del raid di Aversa. Qui le cause non sono state ancora ben specificate, ma si parla sempre di atti vandalici contro la sede del comitato facente capo al Carroccio.

Come succede ormai da anni, la celebrazione del 25 Aprile suscita non unione e spirito di appartenenza, ma al contrario polemiche, divisioni e scontri.

 

Potrebbe anche interessarti