Napoli, visite dermatologiche gratuite per le mamme e i neonati: dove e quando

Foto Facebook-Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II

Maggio sembra essere un mese tutto all’insegna della prevenzione per Napoli. Dopo l’evento organizzato dal Pascale per l’informazione sul tumore al colon-retto e le visite senologiche gratuite a Torre del Greco, un’altra splendida iniziativa arriva dall’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II. Tramite la sua Pagina Facebook, l’Azienda ha annunciato che sabato 11 maggio per le neomamme ed i neonati sarà possibile sottoporsi a visite dermatologiche gratuite, dalle ore 9.00 alle 12.00 presso la Dermatologia del Policlinico Federico II (edificio 10 – Via Pansini, 5).

Un’iniziativa che nasce come un modo speciale per celebrare la Festa della Mamma, e che dà a tutte le donne e i bambini l’opportunità di effettuare un controllo su uno degli organi più delicati del corpo umano, anche a coloro che non ne hanno la possibilità economica. L’accesso alle visite sarà infatti libero, e non sarà richiesta la prenotazione. Un’importante occasione, quindi, per contribuire alla prevenzione di diverse malattie della pelle, in particolare di tumori come il melanoma, sempre più diffusi, per i quali è quantomai necessaria una diagnosi precoce.

La mattina di visite gratuite si aprirà alle 9:30 con un caffè di benvenuto. L’evento prevede la presenza di ospiti di rilievo, tra cui il Cardinale Crescenzio Sepe, che sarà accolto dal Presidente della Scuola di Medicina e Chirurgia, Luigi Califano, dal Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II, Vincenzo Viggiani e dai responsabili scientifici dell’iniziativa: il direttore della UOC di Dermatologia Clinica dell’Azienda, Mario Delfino, e la direttrice della Scuola di Specializzazione in Dermatovenereologia dell’Ateneo, Gabriella Fabbrocini. Al termine della mattinata, invece, verrà firmato il protocollo d’intesa tra la Dermatologia dell’AOU Federico II e l’ASL NA2 Nord per le attività dell’ambulatorio di Dermatologia Etnica.

Per ulteriori informazioni rimandiamo alla Pagina Facebook dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II.

Potrebbe anche interessarti