La buona sanità campana: ambulanza accompagna malato di SLA a nozze del figlio

La sanità campana non è fatta di soli errori, strutture carenti e servizi lenti. Per fortuna esistono anche medici in gamba e vere eccellenze.

Una storia a lieto fine è quella di un malato di Sla che da Boscoreale è stato accompagnato in provincia di Viterbo per partecipare al matrimonio del figlio.

Il trasporto, commissionato dall’Asl Napoli 3 Sud, rappresenta un bel caso di buona sanità, una testimonianza viva di come l’umanità sia alla base dell’assistenza ai malati. E’ servito l’ausilio di un’intera equipe sanitaria con rianimatore e infermiere per permettere a questo padre di poter abbracciare il figlio nel giorno più importante della sua vita. Un’operazione non facile che ha richiesto la massima professionalità da parte dell’equipaggio dell’ambulanza“. Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Sanità Francesco Emilio Borrelli.

In un post apparso sulla pagina di Campania Emergenza l’autista ha commentato: “Oggi sono orgoglioso del nostro lavoro. Che non è solo cercare di assistere i pazienti e di farli viaggiare nel modo più sicuro e comodo possibile nonostante le loro patologie. Assistere ad un abbraccio tra un padre ed un figlio che grazie a noi hanno potuto vivere uno di quei pochi momenti veramente importanti che ci riserva la vita come il matrimonio del figlio ed aver colto tutta quell’emozione nei loro sguardi, dà il vero senso del nostro lavoro“.

La SLA è una patologia invalidante che tiene i pazienti legati ad un ventilatore polmonare. Grazie ai medici e ai sanitari quest’uomo ha potuto vivere il suo sogno, quello di prendere parte al giorno più bello di suo figlio.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più