Napoli e Provincia quasi al collasso. Rifiuti bruciati e discariche a cielo aperto

Sono diventate ormai innumerevoli le segnalazioni sulle condizioni di Napoli e Provincia, in merito alla questione rifiuti. Sarebbe meglio definirla “quasi emergenza rifiuti”, dato che si ricominciano a vedere scene che pensavamo aver dimenticato.

L’ultimo appello è quello del Consigliere Regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, il quale in un post su Facebook scrive: “La situazione di disagio non autorizza gli incivili ad abbandonarsi ad atteggiamenti ingiustificabili e delinquenziali. I roghi di rifiuti rappresentano un vero e proprio attentato alla salute dei cittadini. La combustione genera la dispersione nell’etere di particelle particolarmente inquinanti come la diossina. Ci è stato segnalato, tra l’altro, che proseguono gli sversamenti abusivi. Un cittadino ci ha inviato un video che mostra delle persone che, in salita Pontecorvo, trasportano un materasso da abbandonare in strada”. 

Da parte nostra – conclude Borrelli – stiamo seguendo l’evoluzione del problema minuto per minuto nelle sedi istituzionali, con la massima attenzione nei confronti dei disagi che sono vissuti dai cittadini. La nostra attività di monitoraggio e collaborazione proseguirà senza sosta fino a quando il problema sarà risolto del tutto”. Nella pagina del politico, sono innumerevoli infatti i video e le foto che mostrano lo stato di molte zone della Città. Parliamo di vere e proprie discariche a cielo aperto, poste tra palazzi e negozi.

La situazione è dura e il tutto sembra annunciare poco e nulla di positivo. Fondamentale è l’aiuto che deve essere prestato da tutti i napoletani. Insieme possiamo uscirne salvi.

 

Incivili danno fuoco ai rifiuti in strada rischiando di provocare incendi. Non è così che si risolve il problema, anzi questo è il metodo migliore per aggravarlo

Pubblicato da Francesco Emilio Borrelli su Giovedì 20 giugno 2019

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più