Video. Abusivi, offese al consigliere Borrelli: “Ha ragione Salvini, siete tutti una me**a”

Un video di protesta e offese da parte di un parcheggiatore abusivo che secondo il consigliere dei Verdi Borrelli sarebbe coinvolto nella gestione del fitto di ombrelloni e sdraio abusivi smantellato proprio stamattina sulla spiaggia libera della Rotonda Diaz dopo le denunce dei Verdi che da tempo si battono per le spiagge libere e gratuite.

Due uomini che attraverso un monologo, offendono il consigliere Borrelli: “Ha ragione Salvini, siete tutti una me**a“, concludono.

La lotta contro l’abusivismo e l’illegalità non conosce compromessi. Stiamo conducendo una battaglia serrata per tutelare il nostro Lungomare e per liberarlo dai lidi abusivi che lo occupano. Questo fenomeno genera un giro di affari che frutta in Campania ogni estate circa 10 milioni di euro esentasse a cialtroni abusivi e delinquenti. Ma il nostro impegno sta iniziando a portare i primi frutti. Oggi un cialtrone, con un video sui social, mi offende per il mio operato perché è stato sequestrato il materiale dell’abusivo a Mappatella Beach. Non gli sta bene, essendo un parcheggiatore abusivo, la mia lotta contro l’illegalità. Chi mi accusa, fra l’altro, è un cittadino che risulta recepire pure il reddito di cittadinanza: forse non è chiaro che chi usufruisce di questa misura deve trovarsi un lavoro legale, non vivere nella criminalità”. Lo ha dichiarato Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi.

La parte sana della Campania – ha aggiunto Borrelli – non accetta più l’alibi del “dobbiamo campare”. L’illegalità va punita sempre e comunque, senza sfumature. Nonostante gli insulti e le minacce noi continuiamo imperterriti la nostra battaglia contro l’abusivismo, chiediamo anzi alle forze dell’ordine di incrementare i controlli e fare terra bruciata di questi delinquenti”.

I Verdi campani intanto hanno preparato un dossier sulla gestione abusiva delle spiagge.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più