Controllore multa e fa scendere dal bus donna con le doglie: “Non ha il biglietto”

Autobus-Anm2-2Una donna incinta di 28 anni è stata multata a Napoli dal controllore perché salita a bordo del bus senza il biglietto. Il motivo? Erano iniziate le doglie e la ragazza ha pensato di prendere al volo un autobus che la portasse d’urgenza al Cardarelli.

Secondo quanto riportato da Repubblica, la futura mamma è stata fatta scendere dal bus e lasciata a se stessa per strada. La storia per fortuna ha avuto un lieto fine: la ragazza ha partorito una bella bambina. Ma resta la multa, contro la quale ha fatto ricorso. Ma niente da fare, ricorso rigettato.

Le circostanze addotte (il parto imminente) a giustifica non possono essere motivo di annullamento del verbale elevatole“, avrebbero fatto sapere dall’Anm.

Sono salita sul bus senza titolo di viaggio, e quando il verbalizzante mi ha giustamente contestato la mancanza del biglietto, ho cercato di spiegare che a causa di un malessere improvviso, visto il mio stato, mi stavo recando con urgenza al Cardarelli. Tengo a precisare che alla data del verbale ero incinta, erano trascorsi le quaranta settimane e cinque giorni previsti per il parto che è avvenuto nella notte del giorno stesso. Mentre stavo passeggiando da sola in viale Colli Aminei ho avvertito dei dolori improvvisi e, spaventata, sono salita sull’autobus che sopraggiungeva. Quanto asserito è documentabile dal certificato di ingresso nel pronto soccorso“, ha raccontato la donna.

Il verbalizzante – continua – a cui avevo detto del malore invece di accompagnarmi all’ingresso del pronto soccorso mi ha invitata a scendere e ha tenuto a precisare che nella sua qualità di agente di polizia amministrativa era tenuto a rilevare l’infrazione in ogni caso” .

All’atto del controllo lei si trovava a bordo di un nostro mezzo sprovvista di valido titolo di viaggio“, le avrebbe risposto l’Anm.

71,10 di multa che potrebbe salire a 141,10. Una giusta lotta contro i portoghesi che Anm conduce e deve continuare a condurre. Ma far scendere dal bus una donna incinta e in procinto del parto è un’altra storia.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più