Sciacallaggio sulla morte di Ciro in Kenya: attenzione alla raccolta fondi fake

Opera di sciacallaggio: la salma di Ciro Chiariello, il 40enne acerrano deceduto in Kenya dopo un malore, è ancora lontana da casa e dalla moglie che era con lui in viaggio di nozze nel paese africano.

La famiglia aveva iniziato una raccolta fondi per poter sostenere le spese per riportare la salma di Ciro a casa ma la stessa raccolta è stata fermata dalla moglie qualche giorno fa.

Nonostante ciò, però, qualche sciacallo ha provato a lucrare sulla vicenda inventando una finta raccolta fondi per riportare la salma a casa. Questo è quanto sta accadendo negli ultimi giorni, anche dopo la chiusura della raccolta fondi ufficiale indetta dalla famiglia.

Su Facebook è stata, infatti, creata una pagina il cui nome è “Riportiamo a casa Ciro” e la cui foto è quella del 40enne acerrano. All’interno della pagina vi è un messaggio:
#Riportiamo Ciro Chiariello a casa!
Raccolta fondi per il rimpatrio della salma.
iban:IT09J0306976203100000002248
Lettieri Michele”.

I parenti di Ciro hanno fortunatamente scovato questa raccolta fake e hanno tempestivamente reso noto che non vi è alcun legame né con questo Lettieri Michele, né con la raccolta fondi.

Immediatamente sui social il messaggio è stato condiviso centinaia di volte, tanto da arrivare probabilmente a questo sciacallo, che ha provveduto a cancellare la pagina. Si prega di fare attenzione comunque ad altre eventuali richieste di fondi dalla quale la famiglia del deceduto si dissocia.

La moglie del 40enne, infatti, aveva dichiarato: “Ringrazio tutte le persone per la solidarietà dimostrata, vi chiedo cortesemente di non inviare più soldi all’iban. Le intenzioni iniziali erano altre ma la situazione sembra essere sfuggita di mano. Ringrazio tutti e vi prego di esserci vicini con la preghiera nel nostro dolore“.

Chiunque avesse però devoluto, con buone intenzioni, soldi alla finta raccolta, è pregato di segnalare l’accaduto alle Forze dell’Ordine per denunciare per sciacallaggio una persona che ha approfittato della tragedia di una famiglia per denaro.


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più