Maxi rissa in carcere a Poggioreale: 40 coinvolti per la supremazia del padiglione

Napoli– Nella giornata di ieri è scattata una maxi rissa nel carcere di Poggioreale che ha coinvolto 40 persone. I motivi sono legati alla supremazia del Padiglione Milano.

Il Padiglione ospita ben 300 detenuti, l’area Milano appartiene a questo grande perimetro ed ospita 90 carcerati. coinvolgendo quindi la metà dei reclusi.
Il motivo è molto semplice, la supremazia dell’intero padiglione. Tutti noi conosciamo molto bene quello che avviene nelle carceri. C’è chi ha una vita dura e c’è chi invece ha una vita molto più semplice. Questo deriva appunto dalla gerarchia all’intero del penitenziario. A giocarsi il primato sono stati dei detenuti di nazionalità Algerina contro i detenuti napoletani.

Il risultato è che ci sono stati dei feriti che sono stati curati all’interno delle strutture sanitarie presenti in quel di Poggioreale.
Ci hanno pensato gli agenti di turno a prendere in mano la situazione riuscendo a fermare i responsabili e riaccompagnandoli nelle proprie celle, per poi curare i feriti. Ovviamente ci si aspetta delle sanzioni per i colpevoli che hanno così aggravato la loro posizione detentiva.

La notizia è stata divulgata da SAPPE (Sindacato Autonomo Polizia PEnitenziaria) che sostiene che la situazione è molto compromessa a causa del sovraffollamento delle carceri. In particolar modo il carcere di Poggioreale dichiara un sovraffollamento di circa 1000 reclusi. Una situazione quindi dalla difficile gestione che compromette qualsiasi tipo di lavoro sui detenuti.

A loro volta i carcerati hanno maggiori problematiche a causa di problemi di spazio e di reinserimento nella società tramite i progetti e quanto altro.
Una situazione davvero difficile che ha presentato sin dall’inizio dell’anno risse, suicidi, autolesionismo e tentati omicidi che non accennano a smettere.

Eppure chi ci lavora all’interno del carcere sostiene che la vita di queste persone è più che dignitosa e che il carcere fa di tutto per mettere nella miglior posizione possibile i propri ospiti.
Su questo punto seguiranno degli aggiornamenti

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più