Tav Afragola, scoperte sotto 53 discariche di rifiuti tossici seppelliti dalla camorra

Ieri è arrivata la prova scientifica che nel sottosuolo attorno alla Tav di Afragola sono stati seppelliti rifiuti tossici dalla camorra. Un dossier presentato alla Procura di Napoli a firma di Vito Felice Uricchio, direttore facente funzioni dell’Istituto di Ricerca sulle Acque (Irsa) del Cnr in cui sono state segnalate 53 discariche di rifiuti interrati sotto la stazione della Tav di Afragola.

La notizia è stata riportata da Il Mattino e dal sito Ottopagine e la perizia commissionata dalla Procura di Napoli Nord al professore del Cnr è stata realizzata con una nuova tecnica investigativa che usa satelliti e comparazioni di immagini.

La stazione dell’Alta Velocità di Afragola è stata realizzata su ben 53 siti di rifiuti tossici e pericolosi, sotterrati dalla camorra nel corso degli ultimi venti anni.

Un’attività diabolica quella realizzata dai signori della “munnezza“, scavavano di notte, interrando rifiuti di ogni genere e poi ricoprivano tutto. Al mattino non era visibile più nulla. Lo sversamento sarebbe avvenuto nel 2014, quando la camorra avrebbe inquinato interi ettari di terreni, lì dove è stata inaugurata in pompa magna l’enorme stazione dell’alta velocità di Afragola progettata da Zaha Hadid.

Potrebbe anche interessarti