Circumvesuviana. Treno guasto: passeggeri se la fanno a piedi sui binari

Pompei – Ancora una volta i nostri trasporti hanno portato disagio e vergogna, piuttosto che efficienza e valorizzazione delle nostre bellezze. Nel primo pomeriggio di ieri, martedì 1 ottobre 2019, un treno della Circumvesuviana partito da Napoli e diretto a Sorrento si è improvvisamente guastato durante la tratta.

Il convoglio si è fermato ad un chilometro dalla stazione di Pompei, meta ovviamente ambita da tantissimi turisti che utilizzano proprio il trasporto su rotaie per arrivarci. Dopo il primo quarto d’ora di attesa, in cui il capotreno forniva informazioni circa il guasto ed annunciava i tempi di ripresa del servizio, moltissimi passeggeri hanno dato segni di impazienza: la temperatura all’interno delle carrozze sprovviste di aria condizionata iniziava a diventare estremamente calda, causa anche il forte sole.

Molti passeggeri sono quindi scesi dal treno per salvarsi dalla calura dei vagoni roventi. Dopo aver aspettato altri interminabili minuti, tantissimi passeggeri hanno deciso di incamminarsi sulle rotaie a piedi, percorrendo il chilometro che li separava da Pompei: chi per aspettare un altro treno, chi perché diretto lì. Fra questi un numero considerevole di turisti impazienti di ammirare il Santuario e gli Scavi.

Il Presidente dell’EAV, Umberto De Gregorio, ha dato tempestivamente notizia all’ANSA della presenza del treno guasto, tuttavia ha dichiarato di non sapere nulla dei passeggeri che hanno optato per il tragitto a piedi. Una situazione drammatica che getta un’onta vera e propria sull’immagine della nostra terra e del nostro patrimonio artistico e culturale.

 

Potrebbe anche interessarti