Stir di Giugliano bloccato per protesta: si rischia una nuova emergenza rifiuti

L’emergenza rifiuti a Napoli rischia di farsi sempre più allarmante. A causa di un’agitazione dei lavoratori Sapna (Sistema Ambiente Provincia di Napoli), lo Stir di Giugliano è bloccato e i conferimenti sono fermi.

A far luce sulla protesta dei lavoratori è il sindaco di Giugliano Antonio Poziello. “Disagi e ritardi nella raccolta sono l’ovvio corollario dell’impossibilità di svuotare i camion carichi di rifiuti“, commenta il primo cittadino in un post sulla sua Pagina Facebook ufficiale. “Come sempre, agitazioni e problemi si registrano il martedì, giorno in cui la maggior parte dei Comuni raccoglie l’indifferenziato“.

Lo Stir di Giugliano, pertanto, è bloccato innanzitutto dall’inefficienza che ancora affligge la raccolta differenziata nella nostra città, e adesso anche dalla protesta dei lavoratori Sapna. La notizia che l’impianto non fosse sempre ben funzionante, del resto, non è del tutto nuova.

Già un anno fa era emerso che lo stir trovasse difficoltà nello smaltire i rifiuti. Questo soprattutto in vista del malfunzionamento  del termovalorizzatore di Acerra: una situazione che delegava lo smaltimento solo ai due impianti di Giugliano e Tufino.

La crisi dei rifiuti, negli ultimi tempi, si era aggravata ulteriormente con la chiusura dell’inceneritore di Acerra per 35 giorni. Ciononostante, il sindaco di Napoli Luigi De Magistris aveva dichiarato ormai superata la crisi. In un post pubblicato sulla sua Pagina Facebook ufficiale, il primo cittadino di Napoli evidenziava come le giacenze fossero state azzerate e le frazioni secche smaltite, nonostante lo stress degli impianti di Giugliano e Tufino.

Abbiamo salvato Napoli e l’intera area metropolitana da una situazione gravissima che avrebbe messo in ginocchio l’economia del territorio e distrutto l’immagine che ci siamo rifatti in questi anni di durissimo lavoro“. Così Luigi De Magistris aveva concluso il suo post. Adesso non ci resta che attendere ulteriori sviluppi della vicenda e augurarci che la crisi allo Stir di Giugliano possa presto rientrare.

Potrebbe anche interessarti