Peluche per bimbi poveri: dal Basket Napoli al Betis, iniziativa da portare in A

Un Peluche da donare a un bambino che non può permetterselo. Un regalo gradito, specialmente a Natale, che piace ai più piccoli. Nulla di strano solo che i Babbi Natale in questione diventano i tifosi, dal calcio spagnolo al basket nostrano, spopola un’iniziativa che dovrebbe iniziare a prender piede anche in Italia, magari sui campi della Serie A.

BASKET NAPOLI – Era il 2017 quando durante una partita del ‘Cuore Napoli Basket’ contro la Pallacanestro Palestrina sono piovuti pupazzi dagli spalti del PalaBarbuto. Un’iniziativa fortemente voluta dal presidente Ruggiero per fare un regalo ai più bisognosi. Infatti l’intero incasso della gara fu devoluto in beneficenza ai bambini dell’Ospedale Santobono di Napoli. Ma non solo, i supporter del Cuore Napoli Basket lanciarono sul parquet una marea di peluche dopo il primo canestro realizzato dalla squadra azzurra (nel video è possibile vedere quel momento al minuto 3.50′). I pupazzi poi furono raccolti e donati ai bambini ricoverati al Santobono.

LEGGI ANCHE
VIDEO. La tifosa che sta emozionando il web: "Napoletani vi amo, forza Napoli"

Una pratica molto diffusa nel basket ma ancora poco conosciuta nel mondo calcistico dove gli spettatori sono certamente di più vista la capienza degli stadi.

REAL BETIS BOLMPIE’ – Da un paio d’anni, la squadra spagnola del Real Betis porta avanti un’importante iniziativa benefica. Prima di Natale, nell’ultima partita di campionato, i tifosi lanciano dagli spalti peluche destinati ai bambini bisognosi di Siviglia. E ogni anno sono davvero in tanti a regalare un sorriso ai più piccoli. Una pioggia di pupazzi che invade il campo. Questo quanto andato in scena domenica contro l’Atletico Madrid prima dell’inizio della gara, con i tifosi del Betis a lanciare peluche in campo.

LEGGI ANCHE
Il Napoli ovunque: buone notizie per i tifosi all'estero

peluche betis
Foto Real Betis

I peluche dei tifosi del Betis vengono poi raccolti e raggiungono i bambini poveri della città che altrimenti non riceverebbero neanche un regalo per Natale. Questo il ‘bottino’ di quest’anno, con i ringraziamenti del club spagnolo.

L’APPELLO – Un’iniziativa che dovrebbe essere esportata in primis in Serie A e poi nelle altre serie. Per questo lanciamo un appello alle venti società di calcio della massima serie: nel prossimo turno di campionato, magari per la befana, di regalare un peluche e donarlo poi ai bambini più poveri. Un grande sorriso che ripaga un piccolo gesto.

 

 

Potrebbe anche interessarti