Casamarciano, si festeggia il “Capodanno della luce”: lanterne al posto dei botti

Le iniziative anti-botti continuano a moltiplicarsi in vista dell’anno nuovo. Per il quinto anno consecutivo, a Casamarciano il Capodanno si festeggerà con le lanterne. I fuochi d’artificio illegali saranno messi da parte e lasceranno spazio a un festeggiamento sicuro, ma non per questo meno suggestivo.

Il sindaco di Casamarciano, Andrea Manzi, ha infatti rinnovato l’ordinanza con cui, dal 2015, impone lo stop all’utilizzo di fuochi artificiali, tracchi e petardi. Il tutto sarà sostituito dal cosiddetto “Capodanno della luce”, una festa sicura e serena, e per di più all’insegna della solidarietà.

Al posto dei botti di Capodanno ci saranno lanterne di luce, che il comune ha messo a disposizione di quanti vorranno aderire all’iniziativa. L’ente ne ha acquistate circa 300, che da oggi saranno distribuite dal parroco don Raffaele Rossi nella parrocchia di San Clemente.

E non solo: chi parteciperà a questo festeggiamento avrà anche l’occasione di fare del bene al prossimo. Chi vorrà, potrà richiedere la sua lanterna lasciando un contributo volontario. Questo sarà poi devoluto ad un progetto di solidarietà, che servirà a sostenere le cure mediche di una bambina del posto ricoverata all’ospedale Gaslini di Genova.

Un gesto di civiltà ma anche di bontà nei confronti di chi è meno fortunato“, spiega il sindaco Andrea Manzi. “Una tradizione che si è consolidata in questi anni e che rappresenta lo strumento per trasmettere, soprattutto ai giovani, il rispetto per l’ambiente e gli animali. Un gesto di cultura che, mi auguro, possa essere di buon auspicio per l’intera comunità nel corso dell’anno che verrà”.

Dopo Ercolano, anche Casamarciano dice “no” ai pericolosi botti di Capodanno. Perché l’anno nuovo sia davvero migliore per la nostra Napoli, abbiamo sempre più bisogno di iniziative del genere, all’insegna del sano divertimento e della civiltà.

Potrebbe anche interessarti