“Ciat scassat o c***”: spunta il cartello anti turista a San Gregorio Armeno

San Gregorio Armeno antituristaA Napoli centro sbuca un cartello anti-turista che indica la via per San Gregorio Armeno. Evidentemente il fatto che Napoli sia stata un delle mete più gettonate per queste festività natalizie, non è piaciuta a tutti.

La foto del cartello è stata postata su facebook da Gianni Simioli, conduttore radiofonico de La Radiazza. Non ha scattato lui personalmente la foto ma ci teneva a girarla online, e subito è diventata virale.

Le prime due righe del cartello sono quelle che più fanno discutere: “Visto che ciat scassat o c***”. In primo luogo l’espressione napoletana è scritta in un dialetto che non esiste, scorretto grammaticalmente, e che avrebbe fatto infuriare tutti gli amanti della nostra lingua come Edoardo De Filippo.

LEGGI ANCHE
Video. Ferrari sbarca in Campania, oltre 100 auto da tutto il mondo: il programma

Ma c’è di più, con questa frase si sottintende che a qualcuno non piacciono i turisti. Che rompono solo le scatole riempendo la città fino all’orlo, soprattutto in zone come San Gregorio Armeno.

Vero è che il flusso turistico di quest’anno è stato molto forte, ma è pur vero che il turismo fa bene a tutti i cittadini perché fa girare l’economia. Inoltre è sempre un piacere poter mostrare le meraviglie partenopee a chi non le conosce.

La comunità del web però non sembra essere d’accordo sul fatto che si tratti di un gesto anti-turista. Molti infatti sono i commenti al post di Gianni Simioli, dichiarando che si tratti di semplice ironia e nulla più.

LEGGI ANCHE
Pasqua, secondo Trivago la Campania è la meta più ambita

Ma questa non è semplice ironia. Questo fa allontanare i turisti, se ci provassimo a mettere nei loro panni, cosa penseremo di cittadini che non hanno neanche voglia di darti un’indicazione? Questo è molto lontano dall’idea del napoletano di cuore ed altruista. No, non si tratta di ironia, ma di pura inciviltà.

Potrebbe anche interessarti