Da Verona a Napoli per Capodanno: “Siamo estasiati. Sulla città troppi pregiudizi”

Da Verona a Napoli per CapodannoContro i pregiudizi e gli stereotipi non c’è nulla di meglio se non la personale esperienza. Ne sono testimoni otto ragazzi di Verona che hanno deciso di trascorrere a Napoli il Capodanno 2020. Matteo, Chiara, Fabio, Giulia, Enrico, Beatrice, Giorgio, Claudia sono partiti dalla propria città ben coscienti della fama, triste ed ingiusta, di cui gode in capoluogo partenopeo, ma lo hanno fatto con “pensieri volutamente candidi”, ossia con la volontà di scoprire il volto reale di Napoli, non quello preconfezionato ad uso e consumo della cronaca nera. La loro esperienza è stata più che positiva, tanto che hanno deciso di dedicarle una poesia ed alcuni pensieri.

LEGGI ANCHE
'Radiazioni come vivere un mese a Napoli': l'Asl Veneta si scusa ma parte la richiesta danni

veronesi napoli capodannoNapoli è colori di fuoco che non abbiamo mai visto,
a Napoli anche la paura è un bell’imprevisto,
a Napoli cantano anche i muri
e ogni balcone diventa spettacolo anche per i più “duri”.
Allegro e ospitale sempre col cuore in mano
questo è quel che arriva da ogni vero Napoletano.

Napoli è amaro come ‘o cafè e dolce come ‘o babà
e dona alla “ceramica” quell’ardore che da nessuno mai riceverà.
A Napoli trovi di sicuro la “carta” sporca
ma è disciolta dalla “carta” che se ne importa.

Napoli è una storia nascosta cresciuta da millenni
trasformata da popoli nei secoli solenni,
divenuta purtroppo addirittura discarica
e risorta grazie ad eroi che pieni di carica
han ricreato una meraviglia unica e motivo di orgoglio
che chi vedrà potrà aver per sempre nel proprio bagaglio.

A Napoli abbiamo imparato che il “meraviglioso” all’esterno
nasconde di sicuro dietro a lui un lavoro eterno.

Siamo partiti con dei pensieri volutamente candidi, perché troppe volte Napoli è macchiata da stereotipi e pregiudizi.
Siamo arrivati con tanta voglia di comprendere la bellezza del posto e delle persone. Siamo rimasti estasiati dalla storia, dalle contraddizioni, ma soprattutto dalle persone che ci hanno accolto come fratelli e ci hanno trasmesso con calore, ironia e con un amore formidabile tutto l’animo napoletano!!!

Un grazie di cuore ai nostri amici meravigliosi Carmine, Anna, Salvatore, Angela ed Angelo che ci hanno fatto vivere quest’avventura coinvolgendoci nel profondo come solamente un cuore napoletano può fare.

Grazie di tutto… torneremo sicuramente… vi vogliamo bene!!!

I vostri Amici Veronesi, w l’amore!

Ps. Vi aspettiamo nella nostra splendida Verona.

Pps. Un ringraziamento speciale a ‘o munaciello.

Potrebbe anche interessarti