Nicola Spina di Viaggiatori Low Cost: il tour perfetto a Napoli e in Campania

Viaggiatori Low CostViaggiare è una passione che accomuna moltissime persone, ci siamo chiesti ma quali sono i consigli per organizzare un viaggio e quali sono le mete turistiche da visitare in Campania? Ne parliamo con Nicola Spina giovane blogger che con la sua compagna Rossella gestisce Viaggiatori Low Cost, un interessantissimo blog di viaggi dove Nicola e Rossella raccontano le loro esperienze in giro per il mondo e danno consigli sui luoghi da visitare e non solo. 

Nicola parlaci di Viaggiatori Low Cost, e di come ti è nata questa idea?
“Viaggiatori Low Cost nasce dal forte desiderio, mio e della mia compagna Rossella, di condividere le esperienze di viaggio con tutti coloro che amano viaggiare fornendo consigli, dritte e itinerari sui luoghi visitati”. 

Il tuo sito accompagna il viaggiatore in tutti i sensi, consigliando anche luoghi dove andare a mangiare ecc. Secondo te in che percentuale l’utente si affida ad un portale come il tuo per fare una scelta turistica sia per i servizi che per le destinazioni? (Italiani e stranieri)
Il blog è in lingua italiana quindi è letto quasi totalmente dagli italiani. Sì, c’è anche una piccola sezione dedicata al cibo dove si parla sia dei piatti tipici dei luoghi che abbiamo visitato, sia degli ottimi locali dove poterli assaporare, tutti testati personalmente da me e Rossella. Ci teniamo a precisare che non ospitiamo articoli sponsorizzati o a pagamento, tutto ciò che consigliamo o meno è frutto della nostra reale esperienza. Nel form di contatto è scritto chiaramente che non accettiamo guest post, né gratis né a pagamento. Questo tipo di strategia utilizzata è probabilmente uno dei fattori determinanti per cui il blog ha acquisito autorevolezza e uno dei vari motivi per cui tantissimi utenti si fidano di ciò che leggono. Naturalmente tutto ciò unito anche a informazioni dettagliate e spiegate in modo semplice“.

Napoli è negli ultimi anni accostata al boom turistico, secondo te da cosa è dovuto?
Io credo che Napoli abbia sempre avuto un altissimo potenziale, non è da meno a città come Roma, Venezia e Firenze che generalmente hanno sempre detenuto la maggior affluenza di turisti, sia italiani che stranieri. Il nocciolo della questione risiede nella cattiva e ingiusta reputazione che la città di Napoli aveva fino a qualche anno fa. Nel momento in cui questa errata immagine è andata decadendo, l’afflusso turistico in città è aumentato fino a raggiungere il meritato boom attuale. Al giorno d’oggi sono tantissime le persone provenienti da ogni angolo del mondo che decidono di visitare Napoli e che restano contente della visita. Un risultato che ci inorgoglisce ma che non può essere assolutamente un traguardo. Sono tante ancora le cose da migliorare per mettersi al passo con importanti città europee. Sono fiducioso, ce la possiamo fare!

Su cosa deve puntare un piccolo comune per rientrare in un tour turistico?

È chiaramente impossibile rispondere con poche righe a questo tipo di domanda perché gli elementi da valutare e tenere in considerazione sono molteplici, ci sarebbe bisogno di un’analisi approfondita. In ogni caso la risposta giusta è “dipende”. Per sommi capi un piccolo centro abitato con un numero esiguo di attrazioni da offrire al visitatore dovrebbe puntare a rientrare in uno o più percorsi tematici (ad esempio tour enogastronomici alla scoperta dei prodotti a km zero, tour culturali con mostre anche gratuite, percorsi storico-geografici invitando anche le scuole a partecipare con laboratori didattici, ecc.). In questo modo ha maggiori probabilità di essere visitato. Inoltre occorrerebbe favorire sempre gli spostamenti mettendo a disposizione bus e navette. Molto spesso accade che si rinuncia a visitare un piccolo comune poiché difficile da raggiungere“.

L’idea di lanciare un sito come il tuo, può diventare un’opportunità di lavoro per un giovane?
Questa è una domanda molto interessante e la risposta può essere utile a sfatare qualche falso mito. Gran parte degli utilizzatori del web 2.0 sono convinti di poter raggiungere il sogno di lavorare pochi minuti al giorno e incassare tantissimi soldi. Non c’è nulla di più falso! Quella del web è una vera e propria professione che richiede capacità, passione e tanto sacrificio. Esistono persone che tra mille difficoltà riescono nell’intento ma lavorano duramente numerose ore al giorno. In Italia, per una serie di motivi, è abbastanza difficile (ma non impossibile!) poter vivere grazie ai proventi diretti del blog (pubblicità, post sponsorizzati, ecc.) mentre è abbastanza fattibile portare il risultato a casa utilizzando il blog come biglietto da visita e fornire servizi di consulenza su argomenti correlati che si conoscono molto bene. Un blogger realmente competente in materia potrebbe ad esempio fornire consulenze di social media marketing, di copywriting, di SEO ed altri argomenti affini. In quest’ultimo caso il blog può quindi diventare un’opportunità indiretta di lavoro per un giovane“. 

Quando programmi un viaggio qual è la prima cosa che cerchi?
Senza dubbio il volo! 

Quali sono gli errori più frequenti che commettono i viaggiatori nel programmare un proprio viaggio?
“Uno degli errori più gravi e frequenti è sicuramente il mancato acquisto di una polizza di assicurazione di viaggio sanitaria per chi si reca in Paesi al di fuori della Comunità Europea. Spesso questo errore non avviene per motivi economici (la polizza costa alcune decine di euro) ma perché se ne ignora completamente l’esistenza e/o l’utilità. In altri casi la polizza è inglobata nel pacchetto “tutto compreso” ma non è adatta“.

Quali sono i monumenti di Napoli che consigli?
Per coloro che visitano Napoli per la prima volta è d’obbligo consigliare i luoghi classici: Centro Storico, Cristo Velato, Chiostri di Santa Chiara, Castel dell’Ovo, Palazzo Reale, Duomo, Maschio Angioino, Teatro San Carlo, Piazza del Plebiscito e Via Toledo, Napoli Sotterranea, Castel Sant’Elmo, lungomare e Museo di Capodimonte. Alle persone che ritornano a Napoli consiglio di visitare: Parco Virgiliano, scale del Petraio, Cimitero di Poggioreale e quello delle Fontanelle, Gaiola, Porta San Gennaro, Orto Botanico, Catacombe di San Gennaro, Palazzo dello Spagnolo, Certosa di San Martino, Via Petrarca e Museo Archeologico“.

Dacci un tour a Napoli e uno campano, bello ma che ancora non è tanto visitato (luoghi, musei ecc.).
Napoli è un museo a cielo aperto, è possibile dar vita e percorrere innumerevoli tour. Uno semplice e interessante potrebbe essere quello composto dalla Chiesa dei Santi Marcellino e Festo, la Real Casa Santa dell’Annunziata, la Fontana della Spinacorona e la Farmacia degli Incurabili. Per quanto riguarda il tour campano consiglio in primis di visitare la mia città: Santa Maria Capua Vetere. Una bellissima cittadina della provincia di Caserta e a 30 Km di distanza da Napoli dove poter ammirare tante attrazioni di notevole interesse come ad esempio l’Anfiteatro Campano (il primo della storia romana che funse da modello al Colosseo, a cui è secondo per dimensioni), il Museo dei Gladiatori, il Mitreo (uno dei più importanti del mondo), Museo Archeologico dell’Antica Capua, Arco di Adriano, Duomo, Teatro Garibaldi e la Domus Confuleius. Altri luoghi imperdibili da visitare nei dintorni, oltre Caserta, sono i seguenti: Abbazia di Sant’Angelo in Formis, borgo di Casertavecchia, San Leucio (frazione di Caserta), Reggia di Carditello, Capua e Teano“. 

Quali saranno i prossimi progetti in cantiere di Viaggiatori Low Cost?
“Ci sono alcune idee ma nulla di concreto al momento. Quest’anno ci apprestiamo a festeggiare i 10 anni di vita del blog e tocca sicuramente festeggiare con qualche bella news!”.