“L’avite acciso primma vuje”: la poesia su Ugo Russo che ha fatto il giro del web

poesia ugo russoLa notizia del 15enne napoletano ucciso durante un tentativo di rapina ha sconvolto gli animi di tutta l’Italia. Di fronte a un così grande dolore, è quasi inevitabile chiedersi “da che parte stare”, ed è altrettanto inevitabile constatare che non c’è una risposta. In tanto scompiglio, però, una poesia sulla vicenda di Ugo Russo può spingerci a riflettere.

L’autrice, che vuole restare anonima, si definisce una “madre napoletana”. La sua poesia ripercorre gli eventi di quella terribile notte in cui Ugo Russo è stato ucciso. In un crescendo di rabbia e di sensazioni contrastanti, si arriva ad un’amara conclusione: “L’ avite acciso primma vuje/E po’ chillu carabbiniere llá!“.

Qui di seguito il testo completo della poesia:

Currite, currite, l’hanno sparato!”
Allucca a’ gente amariggiata.
“Ma a chi? O’ figlio mio?
Uh, Madonna mia! E chi é stato?”
“E’ stato nu carabbiniere,
Ca’ pe’ mmezo d’’a paura
L’ha sbattuto n’faccia ‘o muro”
“Chillo é nu buono guaglione!”
Dice uno.
“Chillo é n’omme ‘e niente!”
Dice n’ato.
Nun ce sta niente ‘a fa’,
‘A nutizia è arrivata già.
“Chi ll’ha acciso ha da paga’,
Comme faccio mo ‘a campá?!”
“Facimme ambressa,
Sfunnamme tutte cose.
‘A caserma, ‘o spitale
E, si attocca, pure ‘o tribunale!”
Ah, ma vuje accusí dicite?
È stato chillu lla’ a spara’?
Je, invece, ‘o sapite che ve dico?
Ca pe’ sta’ dint’a chillu vico,
A fa’ chello ch’era fa’,
L’avite acciso primma vuje
E po’ chillu carabbiniere llá!

Potrebbe anche interessarti