Napoli. Follia da Coronavirus, aggredito macchinista della Circumvesuviana

macchinista circumvesuviana

Non si ferma la psicosi da Coronavirus. Ieri, 10 marzo 2020, un utente della Circumvesuviana ha aggredito un macchinista a Porta Nolana, colpendolo con una testata in pieno viso.

Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come si previene

La motivazione è dovuta al dissenso del viaggiatore, in merito al provvedimento preso dall’azienda EAV di installare catene che separano il primo convoglio del personale da quello degli utenti. Una misura di sicurezza necessaria, adottata anche dall’azienda ANM, per garantire un livello di sicurezza minimo per chi lavora, nonché il regolare svolgimento delle corse.

Purtroppo questo è solo uno dei tanti episodi di aggressione che si aggiunge agli altri, già accaduti, ai danni di macchinisti, controllori e personale di stazione. È lo stesso Presidente dell’EAV, Umberto de Gregorio, a riportare e commentare la notizia sul suo profilo Facebook:

Un troglodita che evidentemente non ha capito che in caso di contagio di un nostro macchinista o capotreno, dovrebbero mettersi in quarantena decine di colleghi e questo potrebbe comportare la sospensione del servizio della circumvesuviana. E aggiunge : “L’ho detto e ribadisco: i nostri lavoratori stanno dimostrando un grande senso di responsabilità e di spirito di servizio. Rispettiamoli.”

De Gregorio sottolinea così quanto sia importante, in questo momento storico delicato, rispettare chi continua a svolgere un servizio di pubblica utilità.

Potrebbe anche interessarti