Coronavirus, delibera del Comune. Tutto quello che bisogna sapere su fitti, canoni, tributi e scuole

NAPOLI – Questa notte la Giunta comunale ha approvato una delibera relativa alle “misure eccezionali volte a contrastare la diffusione del contagio da COVID-19”. «Abbiamo approvato una delibera importante», ha dichiarato il Sindaco Luigi de Magistris: «Prevede il rinvio di una serie di scadenze, pagamenti e imposte fino a cessata emergenza. Ad esempio: la gratuità di strisce blu e parcheggi e deroghe per la ztl, la sospensione dei fitti e delle pigioni degli esercizi commerciali».

«Questa delibera – conclude il primo cittadino – fa di Napoli un comune in prima linea nella rapidità delle misure di supporto alle imprese, attività commerciali, lavoratori e alla comunità tutta. Inoltre, continuiamo a chiedere al governo l’adozione di tutte le misure straordinarie».

Di seguito riportiamo i passaggi più significativi della delibera, suddivisi per argomento.

Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come si previene

Asili nido e scuole comunali

La delibera dispone:

  • La chiusura degli asili nido e delle scuole comunali. Non verrà addebitata la quota contributiva relativa ai nidi per il periodo di chiusura. Le famiglie che hanno già effettuato il pagamento per il mese di marzo 2020, potranno recuperare gli importi sul primo mese successivo alla riapertura;
  • Per quanto riguarda la contribuzione per il servizio di refezione scolastica, il Comune ha disposto il differimento al 15 maggio 2020 dei pagamenti relativi ai pasti forniti nei mesi di gennaio e febbraio 2020.

Fitti, canoni e tributi

La delibera dispone le seguenti scadenze:

  • Canone per l’Occupazione del Suolo e delle Aree Pubbliche (COSAP): 30 giugno – 30 settembre – 31 dicembre;
  • TARI: 16 giugno 2020;
  • Per quanto concerne i fitti attivi relativi a cespiti ad uso abitativo di proprietà comunale, la delibera dispone il differimento della scadenza del pagamento del canone e/o indennità di occupazione di tre mesi, a partire dal bollettino di marzo, senza aggravio di mora ed interessi, in favore di tutti i conduttori di alloggi in regola con i pagamenti nonché per coloro che manifesteranno, entro 30 giorni dall’adozione della presente deliberazione, la volontà a sottoscrivere un piano di rateizzo per il debito maturato nei confronti dell’Amministrazione Comunale;
  • Per i fitti attivi relativi a locali ad uso non abitativo di proprietà comunale compresi nel DPCM, la delibera dispone l’esenzione dal pagamento del relativo canone nel periodo dell’emergenza. Per quelli non compresi nel DPCM, la delibera dispone il differimento della scadenza di pagamento di tre mesi, senza aggravio di mora ed interessi, per tutti i conduttori in regola con la corresponsione del canone e/o indennità di occupazione nonché per coloro i quali manifestano, entro 30 giorni dall’adozione della presente deliberazione, la volontà a sottoscrivere un piano di rateizzo per il debito maturato nei confronti dell’Amministrazione Comunale.

ZTL

La delibera dispone l’autorizzazione all’accesso alle ZTL cittadine, nonché la sosta libera e gratuita nelle aree di sosta a pagamento senza custodia (strisce blu), nei settori per residenti e in quelle a rotazione, su tutto il territorio cittadino, a favore di:

  • Operatori sanitari;
  • Giornalisti in qualità di operatori dell’informazione;
  • Amministratori nello svolgimento delle funzioni pubbliche;
  • Agenti della Polizia Locale e delle Forze dell’Ordine;
  • Operatori sociali, pubblici e privati, riconosciuti dall’Amministrazione Comunale di Napoli o dalle altre istituzioni preposte che agiscono nel settore dell’assistenza socio sanitaria sul territorio della città di Napoli, indicati dalla competente Area del Comune di Napoli, oltre che dei volontari impegnati nelle attività di distribuzione pasti e beni di prima necessità ai senza fissa dimora e agli indigenti;
  • Dipendenti impiegati nei servizi essenziali per l’assicurazione dell’ordinaria tutela e vigilanza dei beni culturali di proprietà dell’Amministrazione;
  • Le categorie di soggetti impegnati in attività connesse all’emergenza, che saranno individuate con successivi provvedimenti adottati dal competente Dirigente del Comune di Napoli;
  • I dipendenti del Comune di Napoli e LSU che utilizzano il mezzo privato, anziché l’abituale mezzo di trasporto del servizio pubblico locale.

Ai fini dell’attivazione delle misure suddette, sarà necessario comunicare i numeri di targa dei propri veicoli:

  • Per l’accesso alle ZTL è necessario inviare una mail all’ufficio permessi temporanei: permessitemporanei.ztl@comune.napoli.it;
  • Per i permessi sulle aree di sosta a pagamento senza custodia, al seguente indirizzo mail dell’ANM: infoautorizzazioni@anm.it.

La delibera prevede, inoltre:

  • Di posticipare al 30 giugno 2020 la scadenza dei permessi di sosta dei residenti nelle strisce blu;
  • Di posticipare i contrassegni sia permanenti che temporanei per i disabili, in scadenza dalla data di entrata in vigore del presente provvedimento e fino al 30 aprile 2020, per un periodo di 4 mesi, decorrenti dalla scadenza di ciascun titolo );
  • Differire l’entrata in vigore della ZTL dei Bus Turistici di cui alla delibera di Giunta Comunale n. 37 del 08/02/2020, nonché il pagamento del relativo ticket, al 30 maggio 2020.

Uffici Comunali

Per quanto concerne gli uffici comunali, la delibera prevede:

  • L’adozione di procedure d’emergenza per semplificare l’acquisto di dispositivi di protezione individuale, di presidi sanitari, attrezzature atte all’igienizzazione urbana e di ogni altro dispositivo/servizio per la gestione dell’ emergenza;
  • Per ciò che attiene alle entrate comunali, si prevede:
  1. L’esenzione dal pagamento del COSAP;
  2. L’esenzione dal pagamento del canone patrimoniale, per i mercati in sede fissa;
  3. La possibilità di agevolazioni per il pagamento della TARI al fine di tenere conto del periodo di chiusura;
  4. La modifica dei termini dettati nello specifico regolamento per il versamento delle somme introitate dagli esercizi alberghieri e dalle altre strutture ricettive a titolo di Imposta di Soggiorno per l’anno 2020.

Potrebbe anche interessarti