Coronavirus. Angelo, infermiere a Napoli: “Il Covid fa più paura dell’Ebola, non puoi difenderti”

Si chiama Angelo Farese ed è un infermiere della Medicina e chirurgia di accettazione e di urgenza dell’ospedale dei Colli Cto a Napoli.

Sta lavorando da settimane nel nosocomio per cercare insieme ai colleghi di salvare quante più vite è possibile. Tutti colpiti da Covid-19. “Sono stato in Africa – ha raccontato a ilmattino.it – a combattere l’Ebola e ho visto morire tante persone, ma il Covid fa più paura perché ti coglie all’improvviso e tocca i nostri affetti più cari“.

Ho lavorato con Emergency in Sierra Leone tra 2014 e 2015, -ha detto – dove abbiamo combattuto contro un altro virus letale: l’Ebola”.

L’Ebola è più aggressivo e altrettanto letale, – continua – ma il Covid fa più paura e non puoi difenderti. Tutti i giorni ci sentiamo con i colleghi di Piacenza, Milano, Reggio Emilia e concordiamo su questo aspetto. Inoltre in Africa se un paziente guariva, dopo la famiglia veniva a prenderlo ed era quasi una festa. Qui invece chi si ammala è cosciente e perde d’un tratto gli affetti più cari. Come un anziano di 70 anni, che mi ha chiesto di fare una videochiamata ai parenti prima di essere intubato perché sapeva di essere peggiorato“.

LEGGI ANCHE
Video da brividi. Napoli e provincia si abbraccia senza toccarsi: tutti sui balconi a cantare

Potrebbe anche interessarti