Borrelli: “Anche il 1 maggio a casa. In futuro credo dovremmo mantenere le distanze”

borrelli maggio

L’Italia è in attesa di capire quando scatterà la fase 2 e in cosa consisterà. Il premier Giuseppe Conte infatti nell’ultima conferenza stampa ha annunciato che il governo sta lavorando per far scattare misure meno restrittive. Ma la quarantena forzata in casa, purtroppo, durerà almeno fino al 1 maggio.

A dirlo è il Capo della Protezione Civile Angelo Borrelli nel corso della trasmissione ‘Radio Anch’io’ su Rai Radio 1. Alla specifica domanda se dopo Pasqua e Pasquetta, anche il 1 maggio lo passeremo chiusi in casa, Borrelli ha risposto:

Credo proprio di sì, non credo che passerà questa situazione così impegnativa per quella data. Dovremmo essere rigorosissimi. Il coronavirus, cambierà il nostro approccio ai contatti umani e interpersonali, dovremmo mantenere le distanze, quel distanziamento sociale diciamo sempre. Io mi attengo ai fatti e ai dati che mi arrivano giorno per giorno dalle Regioni e stiamo in una situazione stazionaria (diminuisce il numero di nuovi ricoverati e quelli in terapia intensiva, aumenta il numero di guariti). Il numero dei deceduti cala rispetto a gironi fa. I nostri ospedali possono tirare il fiato. Quello che adesso vediamo sono i risultati dei comportamenti di due settimane fa. Le occasioni di contatto hanno portato una crescita delle persone positive. Cresce il numero dei positivi che sono a casa, con sintomi lievi o senza sintomi, in terapia intensiva si arriva dopo il ricovero con sintomi. Si sta fronteggiando la malattia, non mi risultano situazioni di strutture ospedaliere che non riescono a garantire il ricovero. Per alleggerire il sistema dalla terapia intensa abbiamo istituito la Cross”. 

Sul Sud.

“Il sud regge ma bisogna assolutamente essere prudenti ed evitare di uscire di casa”. 

Sulle mascherine:

“E’ un problema globale, la domanda a livello mondiale è 30/40 volte quella ordinaria. Le mascherine erano normalmente comprate dalle aziende ospedaliere, ha avuto difficoltà anche il dipartimento internazionale”. 

 

 

Potrebbe anche interessarti