Biagio, siciliano pazzo di Napoli: “Una volta al mese vengo lì, trasmettete voglia di vivere”

In questi giorni mi chiedevo quale sarebbe stata la prima cosa che avrei fatto una volta uscito dalla ‘quarantena’. La mia mente non ha esitato un solo istante e mi ha subito catapultato con il pensiero verso Napoli. Si Napoli ed i Napoletani!“. E’ quello che ci ha raccontato Biagio Nigrelli, siciliano.

Il 49enne, che vive con la famiglia in provincia di Agrigento, da trent’anni almeno una volta al mese viene a Napoli, “perché questa città ti trasmette positività, allegria e voglia di vivere“.

In questi giorni duri, irreali, misti ad ansia e speranza non ho fatto altro che pregare il buon Dio che tutto finisca. – ci racconta – Ho pregato anche per quella gente che ‘sento’ come una famiglia. Eh si, a tanti potrà sembrare banale che il mio pensiero è rivolto verso quella città, ma chi conosce, come me i napoletani, sa benissimo cosa riescono a trasmetterti e cosa ti lasciano dentro“.

Napoli non è solo bellezze naturali e paesaggistiche – continua – ma soprattutto sono i suoi abitanti che ti trasmettono quello che in nessuna altra parte del mondo riesci ad avere. Hanno sempre un buon motivo per essere felici anche in mezzo a mille problemi ed avversità ti coinvolgono in ogni momento della tua permanenza“.

Ogni volta che arrivo a Capodichino mi sento come stretto in un abbraccio che ti toglie il fiato ed a ogni ritorno senti un vuoto dentro come se lasciassi un pezzo di cuore. Ed è per questo che oggi, con riconoscenza, mi sembra doveroso salutare Napoli ed i napoletani con un augurio che tutto finisca e che presto possiamo ritornare a riabbracciarci“, conclude nella sua bellissima testimonianza.

Potrebbe anche interessarti