Napoli, scarica dall’auto vecchi monitor e pc: ripreso dalle telecamere e multato

Anche durante il periodo di emergenza Covid-19 l’ufficio stampa del Comune di Napoli comunica che le telecamere per il contrasto all’abbandono dei rifiuti restano accesi. Il sistema di videosorveglianza “intelligente” nei primi mesi del 2020 ha identificato più di 50 soggetti che hanno abbandonato il pattume per strada. Sono stati numerosi gli episodi di inciviltà dei cittadini che godendo delle strade deserte hanno scaricato i rifiuti sui marciapiedi delle vie di Napoli.

Nel cuore del centro storico, in pieno giorno, è stato identificato un cittadino che, posto alla guida della propria autovettura ha accostato al margine destro della carreggiata, è sceso dal veicolo e, approfittando della scarsa presenza di persone per la strada, ha scarica a terra ed abbandonato grossi sacchi neri colmi di rifiuti.
Controllando poi le immagini delle vie di Miano gli Agenti della Polizia Locale hanno notato un uomo che, sceso dalla propria vettura, ha scaricato a terra vecchi monitor e componenti di computer. In entrambe le circostanze, lette le targhe dalle telecamere, sono stati rintracciati i proprietari e si è proceduto con la redazione dei relativi verbali.

Ieri nel quartiere di Ponticelli si è verificato l’ennesimo sversamento dei rifiuti in un’area divenuta da tempo una vera e propria discarica spesso data alle fiamme. Qui gli agenti sono intervenuti numerose volte negli ultimi mesi sequestrando i mezzi utilizzati per il trasporto dei rifiuti. Le forze dell’ordine sono intervenute anche nelle zone del Centro storico e via Miano dove alcuni cittadini hanno lasciato vecchi apparecchi elettronici sul marciapiede.

Mentre per i cittadini è scattata la sanzione amministrativa di €500 per le ditte scatta invece la denuncia penale. Il comune specifica inoltre che il vigente piano anti contagio prevede in oltre, per chi si rende colpevole di tali azioni, un’ulteriore sanzione pecuniaria e la segnalazione alla Asl per la determinazione del obbligo di quarantena.

Potrebbe anche interessarti