Video. Napoli celebra la Liberazione: dai balconi del Comune si canta “Bella ciao”

Anche il Comune di Napoli ha partecipato al flash mob organizzato per oggi, 25 aprile: l’idea era di cantare “Bella ciao” dai balconi e ricordare insieme una giornata che, nonostante non possa essere celebrata a dovere, non deve scomparire dalla nostra memoria.

Quest’idea mi è venuta spontanea“, spiega il sindaco Luigi de Magistris, “nel momento in cui abbiamo aderito alla proposta dell’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani Italiani) insieme a CGIL, CISL e UIL del Comune di Napoli. La proposta era di cantare ‘Bella ciao’ dai balconi alle 15“.

Così, anche dai balconi di Palazzo San Giacomo, sede del Comune di Napoli, è partito il canto “Bella ciao”. Un inno a quei cittadini che hanno sacrificato la vita in nome della libertà, e un modo per sentirci ancora più uniti in un giorno così importante, nonostante la distanza fisica.

“Ho accettato perché questa è la casa della città di Napoli, di una città che tanto ha dato per la Liberazione”, ha proseguito de Magistris. “Napoli è stata la prima a liberarsi dall’oppressione nazifascista con le Quattro Giornate. Abbiamo deciso così di partecipare a questa iniziativa, con tutti gli assessori, il sindaco e Antonio Moretti, presidente della sezione ANPI, che quando aveva appena 16 anni fu protagonista delle Quattro Giornate.

Questa è la memoria, è l’attualità e sarà il futuro della nostra città che lotterà sempre per i valori della libertà, dell’uguaglianza, della fratellanza e della giustizia“.

Potrebbe anche interessarti