Esplosione alla fabbrica Adler di Ottaviano: diversi operai feriti, fumo nero visibile a km di distanza

esplosione adler
Foto di Montanino Nello Aniello

Un’ora fa una forte esplosione ha fatto tremare le finestre degli abitanti di Ottaviano, in provincia di Napoli. Ad andare in fiamme è la fabbrica Adler Plastic in Via Mozzoni. L’azienda appartiene all’imprenditore Paolo Scudieri e la Adler rappresenta da sempre un’eccellenza in Campania. E’ infatti il primo produttore italiano di sistemi per il comfort acustico e termico di veicoli e di rivestimenti e pannelli per le portiere e tappeti interni (il secondo player mondiale).

Sul posto sono subito giunti i carabinieri, la polizia e vigili del fuoco che stanno cercando di domare l’incendio. Al momento sono 5 gli operai coinvolti nell’esplosione e qualcuno sembrerebbe molto grave. In molti sui social hanno postato i video e le foto del denso fumo nero visibile anche a occhio nudo a chilometri di distanza.

Questo il commento di Marì Muscarà, portavoce in Campania del Movimento 5 Stelle:

“Adesso Ottaviano. Giusto per non farci mancare nulla pare che l’incidente sia alla fabbrica Scudieri
lavorazione plastiche. Speriamo non ci siano vittime perché l’esplosione ha fatto tremare le finestre”.

 

 

Scrive Raffaella Casciello, del Fondo Agricolo ‘Nicola Nappo’:

“La vedete quella nube di fumo che sta lì in fondo? La Adler, una fabbrica che produce plastica ad Ottaviano, sta andando a fuoco. Sentiamo la puzza da Scafati. Per ora il bilancio è di 4 feriti. Come testimoniano anche le immagini del Sarno di ieri e oggi, il problema dei nostri territori sono le fabbriche: non insicurezza e inquinanti. È a loro che dobbiamo fare la guerra: a questi criminali. Che sfruttano gli uomini e la terra in cui viviamo. E dalla seconda giornata della fase 2 speriamo sia tutto”.

Dopo il Sarno di nuovo inquinato ora questa esplosione.

Potrebbe anche interessarti