Presunti abusi di un primario su una paziente, i legali del medico: “Nessuna violenza, normali manovre”

abusi primario

Sta facendo molto discutere la notizia diffusa dal ‘Il Mattino’ che parla di presunti abusi sessuali da parte di un primario di radiologia nei confronti di una paziente durante una visita in ambulatorio. L’episodio è stato raccontato dalla donna che ha sporto denuncia. I dirigenti dell‘Ospedale Ruggi d’Aragona di Salerno hanno così deciso di sospendere per un mese il medico.

Poco fa è arrivata, sempre al ‘Il Mattino’, la replica da parte degli avvocati del primario, Federico Conte e Laura Toriello, che difendono il loro assistito. Questo il comunicato:

“Riteniamo necessari tempestivi approfondimenti investigativi per fare totale chiarezza, e in modo rapido, sulla denuncia di una paziente. Nessun abuso, nessuna violenza si sono compiuti ai danni della signora, ma solo regolari manovre di natura diagnostica, nell’ambito di una visita medica. Sconcerta che si calpesti in modo così brutale la reputazione e l’onorabilità di uno stimato professionista – aggiungono i legali – che viene catapultato in una vicenda dal duro impatto professionale ed esistenziale sulla base di accuse generiche e non dimostrate”.

Gli avvocati hanno anche annunciato ricorso al Tribunale del Riesame. La donna aveva raccontato che durante la visita erano state fatte dal primario manovre non necessarie che l’avevano messa in una condizione di ‘soggezione psicologica’. Da qui la denuncia per abusi sessuali.