Coronavirus, gli Stati Uniti donano apparecchiature mediche all’Ospedale del Mare

Gli Stati Uniti donano attrezzature anti covid all’Ospedale del Mare. Il Presidente della Campania Vincenzo De Luca ha annunciato sul proprio profilo facebook una collaborazione con gli USA per quanto riguarda attrezzature mediche per fronteggiare la crisi sanitaria. Ecco le parole:

Gli Stati Uniti d’America hanno donato alla Regione Campania apparecchiature mediche utili a fronteggiare la pandemia. Grazie al Console generale Usa a Napoli, Mary Avery e al Comandante delle forze navali statunitensi in Europa ed Africa James Foggo che questa mattina hanno voluto personalmente consegnare le attrezzature. Davvero un bel gesto di solidarietà, un segnale di grande attenzione, che rafforza ulteriormente i rapporti di amicizia tra la nostra Regione e gli Stati Uniti“.

E’ un gesto di solidarietà che noi abbiamo apprezzato molto. A metà marzo c’è stato un periodo buio in Italia e abbiamo iniziato a cercare in tutto il Mondo dispositivi medici. Per fortuna abbiamo trovato paesi che hanno avuto gesti di solidarietà nei nostri confronti. Ci auguriamo che ci sarà una collaborazione con gli Stati Uniti nel campo della ricerca e auspichiamo che ci sia un uso universale del vaccino: qualunque sia il Paese in cui viene prodotto, è dovere umanitario metterlo a disposizione del mondo intero“.

Infine, il Console generale Usa, Mary Avery, spende belle parole sul lavoro fatto sul territorio: “Grazie al Presidente De Luca per averci invitati alla cerimonia di consegne di attrezzature mediche donate dalla marina militare americana all’Ospedale del Mare. Gli Usa  e l’Italia sono stati duramente colpiti dalla pandemia. Vorrei porgere le mie condoglianze alle famiglie delle vittime e le mie congratulazioni a chi ha lottato contro questa malattia e al popolo campano per il grande senso di responsabilità“.

Non è la prima volta che i militari degli Stati Uniti apprezzano il lavoro svolto in Campania da medici e operatori sanitari. A fine maggio infatti, un gruppo di soldati americani fece visita all’Ospedale del Mare per imparare qualcosa sul modello campano per la lotta al coronavirus.

Potrebbe anche interessarti