De Luca: “Senza la Regione il San Carlo chiude domani. Investiremo 15 milioni per la cultura che è vita”

de luca san carlo

Nel corso della conferenza stampa di presentazione della nuova stagione lirica del Teatro San Carlo 2020/2021, è intervenuto anche il governatore Vincenzo De Luca. Il presidente della Regione Campania ha parlato dell’importante investimento fatto sulla cultura da parte della Regione soprattutto in questo difficile momento post coronavirus.

Diversi i milioni dati per sostenere gli spettacoli del San Carlo a cui andranno aggiungi altri da dedicare al mondo della cultura. Queste le parole del governatore:

“Nel mese di luglio la Regione Campania farà tre leggi, la legge sullo spettacolo (5 milioni), sul cinema (6 milioni), e altre in particolare sui musei, sui teatri, sulle biblioteche e sulla cultura. Faremo una variazione di bilancio a copertura di queste leggi che erano rimaste in sospeso per l’emergenza coronavirus. E’ uno sforzo importante, enorme, circa 15 milioni di euro, ma lo avevamo promesso. A questo si aggiungono altri programmi che avevamo previsto, la settimana prossima avremmo Muti a Paestum, poi abbiamo confermato l’ ‘Estate da Re’ nella Reggia di Caserta, è partito il ‘Napoli Teatro Festival’, è partita la programmazione per il ‘Festival di Ravello’. Questo, ‘Regione Lirica 2020’ è un programma specifico della Regione per il Teatro San Carlo, circa 10 milioni e 700 mila euro, 5 milioni sono un programma specifico della regione per iniziative culturali. Lo ripeto questo è un programma della Regione Campania che utilizza il Teatro San Carlo, un modo indiretto per sorreggere un teatro che ha vissuto momento difficili. E’ un impegno diretto della Regione, investiamo per il San Carlo senza quei soldi il Teatro chiude domani mattina.

E’ un ritorno alla normalità, dovremmo avere delle limitazioni ma tuttavia per la quantità di iniziative in programma possiamo dire che è un ritorno alla vita, la vita culturale e la vita in sè. Senza cultura non c’è anima e non c’è vita”.

Un programma quello del San Carlo che prevede tappe all’aperto in tutta la Campania a cominciare da Piazza del Plebiscito. Al termine della conferenza De Luca si è intrattenuto con i giornalisti:

“C’è un blocco di iniziative con investimenti importanti. Abbiamo fatto arrivare 5 milioni di euro al Teatro San Carlo, un programma bello che parte da Napoli e toccheremo le università della Campania e luoghi turistici come Carditello. La nostra regione è sicura e ha momenti di eccellenza dal punto di vista culturale. Il bonus vacanze? Mi pare una cosa bizantina, faccio fatica a capire alcune misure del governo che impegnano risorse importanti per le modalità in cui vengono proposte. La cassa integrazione è arrivata con molto ritardo, hanno anticipato i soldi gli imprenditori privati. Ci sono modi molto più semplici, tipo togliere i soldi al totale. La gente ci rinuncia, è una cosa semplice non banale”.

Sulla Whirlpool:

“La Regione si presenterà al tavolo delle trattivi confermando il proprio impegno a mettere sul tavolo 20 milioni di euro per l’investimento della proprietà a Napoli. Credo che le vicende degli ultimi mesi possano spingere una multinazionale a riflettere su quanto deciso”.

Su Mondragone:

“Avremmo in programma un’iniziativa per rilanciare il litorale domitio, spiagge bellissime e mare pulito. Abbiamo una gastronomia di livello superiore a livello dell’ortofrutta e alla mozzarella di bufala. Un ambiente splendido, iniziative culturali, credo ci possa essere una ripresa e non farsi male con le proprie mani”.

 

 

Potrebbe anche interessarti