Napoli, Maria Chiara si laurea con 110 e lode: la storia di un talento che trionfa, battendo la disabilità

Maria Chiara si laurea all’Università Suor Orsola Benincasa con 110 e lode. È la prova vivente del fatto che la disabilità non frena il talento e non spezza i sogni. La sua storia è stata raccontata dalla giornalista Maria Chiara Aulisio de IlMattino.

A 26 anni, Maria Chiara si è laureata in lingue per la comunicazione e la cooperazione internazionale. Le sue grandi passioni sono le lingue e la musica, e proprio queste hanno caratterizzato il suo percorso universitario, finendo nella sua tesi di laurea.

Oltre all’italiano, conosce perfettamente l’inglese, lo spagnolo e il francese. Inoltre, compone anche musica e testi, divertendosi a fare la cantautrice.

La madre, Iaia Caputo, ha ripercorso le varie tappe della vita della ragazza, partendo dalla nascita. A causa di un distacco della placenta, Maria Chiara è nata prematura. Ciò le ha causato danni permanenti tra cui cecità e tetraparesi spastica. 

“Per dedicarmi a lei ho deciso di lasciare il lavoro. Mi sono impegnata per cercare di far venir fuori le sue passioni e propensioni. Tra queste le lingue, alle quali ha iniziato a dedicarsi fin da bambina” – racconta Iaia.

Una passione che ha spinto Maria Chiara a scegliere di frequentare il liceo linguistico, assecondando le sue propensioni piuttosto che seguire le compagne. Anche l’amore per la musica non l’ha mai abbandonata. Da sempre, ascolta canzoni straniere, ne apprezza il ritmo e la musica, poi le traduce in italiano.

Poi è arrivata la scelta del percorso universitario, anche questo proiettato allo studio delle lingue. Un altro sogno realizzato, conclusosi con il conseguimento della laurea all’Università Suor Orsola Benincasa.

Il professor Ranisi, durante l’elaborazione della sua tesi, è riuscito a farle coniugare entrambe le sue passioni: lingue e musica. Maria Chiara, infatti, ha scelto alcune canzoni straniere da analizzare dal punto di vista dei contenuti per poi tradurle. In più, è riuscita a inserirci una canzone scritta da lei in francese.

Un lavoro che ha richiesto un notevole impegno ma che ha reso possibile il trionfo di Maria Chiara che, lo scorso venerdì, si è laureata con il massimo dei voti.

Ora non gli resta altro che approcciarsi al mondo del lavoro, continuando ad esprimere quel talento che gli ha permesso di sconfiggere la sua forma di disabilità. Segno che, quest’ultima, se accompagnata da opportuni interventi e determinazione personale, non rappresenta un limite.

Potrebbe anche interessarti