Pizza Pascalina: una pizza che unisce gli ingredienti della dieta mediterranea e la lotta ai tumori

pizza pascalina

Crema di cime di rapa, pomodoro San Marzano, olive nere, peperoncino, aglio, basilico, olio evo e noci. Sono questi gli ingredienti della ‘Pizza Pascalina’, una pizza che unisce gli ingredienti tipici della dieta mediterranea e quelli più utili a prevenire il tumore. Comprando questa particolare pizza nelle pizzerie aderenti, sarà possibile donare un euro alla ricerca dell’Istituto Nazionale dei Tumori Fondazione Pascale.

Come reso noto dalla pagina social dell’Istituto, si cercano ambasciatori:

“Diventa anche tu ambasciatore del mangiar sano con la dieta mediterranea. Introduci la Pizza Pascalina nel tuo menù”. 

Diventa anche tu ambasciatore del mangiar sano con la dieta mediterranea.
Introduci la Piazza Pascalina nel tuo menù.

http://ow.ly/NA3K50AF3HX

Pubblicato da Istituto Nazionale Tumori IRCCS “Fondazione G. Pascale” su Venerdì 24 luglio 2020

La ‘Pizza Pascalina’ è infatti un progetto dell’Istituto Nazionale dei Tumori Fondazione Pascale che mira alla diffusione di un comportamento sano per una corretta alimentazione e contribuisce alla lotta contro il cancro. Mangiando una Pizza Pascalina (che può essere consumata come pasto principale anche due volte alla settimana), ognuno assumerà un corretto quantitativo di elementi necessari al fabbisogno giornaliero ma soprattutto contribuirà alla ricerca. Una Pizza Pascalina è infatti composta da:

Farina di frumento tipo 1: 160g; Friarielli campani o cime di rapa o broccoli: 120g a crudo; Pomodori San Marzano o Corbara: 120g; Olio extra vergine d’oliva del Cilento: 30g; Olive nere campane: 30g; Noci: 20g; Aglio e peperoncino: a piacere; Lievito madre o lievito di birra secondo ricetta pizza napoletana. Cottura a 450 gradi per 60 secondi.

Il Pascale fornisce anche una piramide alimentare in cui vengono applicati i principi della dieta mediterranea e le linee guida contro i tumori della World Cancer Research Fund basate sulle evidenze scientifiche più recenti su dieta e prevenzione dei tumori.

Potrebbe anche interessarti