Esplosione Beirut, tanti i soldati Italiani in Libano: un solo ferito è di Bari

Beirut – l’esplosione che ha fatto spaventare gli italiani. Tutti abbiamo negli occhi le immagini terrificanti dell’esplosione che è avvenuta ieri nella capitale del Libano. Non tutti sanno però che Beirut è piena di italiani, principalmente soldati.

Un soldato italiano, originario di Bari, del contingente Jmou è rimasto lievemente ferito ad un braccio a causa dell’onda d’urto causata dall’esplosione. Il caporalmaggiore Roberto Caldarulo era in servizio, non è grave ed è stato immediatamente trasferito in ospedale.

Nei pressi delle banchine devastate c’era anche una nave che batteva bandiera italiana. A bordo c’era solo uno dei membri dell’equipaggio, il sessantanovenne Vincenzo Orlandini che all’improvviso è stato scaraventato ad alcuni metri di distanza.

Ai microfoni della tv Al-Jazeera, con il volto ricoperto di sangue, racconta lo spavento: “Ho sentito l’esplosione e sono volato sul lato opposto della lobby. Sono atterrato sul tappeto e sono stato fortunato perché penso che mi abbia salvato. La nave è completamente distrutta: le cabine, il salone, tutto“.

Ci sono diversi contingenti a Beirut, oltre a quello Jmou, a cui appartiene il caporalmaggiore finito in ospedale, sono presenti anche gli uomini di Mibil, una missione italo-libanese che coinvolge i nostri esperti nell’addestramento delle forze armate locali.

Il numero maggiore di soldati è quello che partecipa all’operazione Unifil. Sul campo da circa una settimana ci sono i 450 fanti della Brigata Sassari, che sono già schierati nella zona sud tra Shama e Naqura, proprio a ridosso della Blue Line. I caschi blu italiani sono circa 1000, con una base anche anche nella zona di Al Mansouri.

Per questo motivo, mentre si contano ancora i morti e i feriti – sperando che il numero non si aggravi eccessivamente – la Farnesina sta lavorando con l’ambasciata presente sul territorio Libanese per assicurarsi che non ci siano altri italiani coinvolti nell’esplosione.

Potrebbe anche interessarti