Approvata la legge contro le aggressioni agli operatori sanitari: sanzioni fino a 5 mila euro e reclusione fino a 16 anni

aggressioni operatori sanitari

Da quando il lockdown è finito, purtroppo in Campania si sono registrate le ennesime aggressioni al personale sanitario e ai volontari che si occupano prestare soccorso a chi è in difficoltà. Infermieri presi a morsi o a schiaffi, distruzione di Pronto Soccorso e ambulanze, tutti episodi segnalati dalla pagina Facebook ‘Nessuno Tocchi Ipprocate’. Ora però qualcosa è cambiato.

E’ infatti diventata legge il decreto ddl aggressioni. Come spiegato sul sito della Croce Rossa Italiana:

Il provvedimento punisce chi commette violenze contro gli operatori sanitari con sanzioni che vanno da 500 a 5 mila euro e con la reclusione da 4 a 10 anni (per lesioni gravi) e da 8 a 16 anni (per lesioni gravissime). Inoltre a supporto del personale sanitario, vengono previsti protocolli operativi con le forze di polizia per garantire interventi tempestivi e l’istituzione di un “Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie” presso il Ministero della Salute, che dovrà monitorare gli episodi di violenza e gli “eventi sentinella” che potrebbero dar luogo a violenze o minacce. Tra le altre novità, l’istituzione di una “Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e socio-sanitari”, con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica verso una cultura di condanna ad ogni forma di violenza”.

Queste le parole del Presidente della Croce Fossa, Francesco Rocca:

“Sono ormai anni che denunciamo, attraverso la campagna “Non sono un Bersaglio” le inaccettabili violenze ai danni dei soccorritori. Un’apparente assurdità, tuttavia sempre più diffusa. Siamo molto soddisfatti: una legge difende con più forza il lavoro di ogni operatore sanitario. Come Presidente dell’Associazione di volontariato più grande d’Italia, con un’antica tradizione nel primo soccorso, sono lieto che rispetto al testo iniziale sia stata inserita a pieno titolo anche la figura del Volontario, inizialmente non prevista. Continueremo a monitorare la situazione, anche attraverso il nostro Osservatorio, appositamente”.  

Potrebbe anche interessarti