Coronavirus, ancora contagi nel Napoletano: tra questi una 20enne e un 30enne rientrato dalla Spagna

Ancora nuovi casi di Coronavirus nel Napoletano. Questi ultimi riguardano sempre più i giovani, come registrato nelle ultime ore a Ercolano e Castellammare di Stabia. Ad annunciarlo sono i rispettivi sindaci.

Il primo cittadino di Ercolano, Ciro Buonajuto, ha dichiarato: “Dopo due settimane, anche da noi si registra un nuovo caso positivo. Si tratta di una ragazza di 20 anni che è stata presa in cura appena ha manifestato i primi sintomi della malattia.”

“Al momento è in isolamento con tutta la sua famiglia, ma in buone condizioni di salute. Più che dei poliziotti forse, mai come ora, abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti i genitori per far capire soprattutto ai più giovani che questo è il momento decisivo per evitare comportamenti che mettano a rischio la salute di amici e parenti” – ha continuato.

A Castellammare di Stabia, invece, i nuovi contagi sono ben 4, come annunciato dal sindaco, Gaetano Cimmino: “Si tratta di un 30enne di rientro dalla Spagna a cui si aggiungono due coniugi, di 72 e 69 anni, e il figlio di 35 anni. Questi ultimi correlati al focolaio di un Comune limitrofo.”

“I pazienti si trovano tutti in isolamento domiciliare, in buone condizioni. A loro auguro di rimettersi in fretta e guarire nel più breve tempo possibile.”

Il numero di stabiesi contagiati sale, così, a 11. Il numero di persone in isolamento domiciliare è di 116. Questi ultimi identificabili come cittadini positivi, casi sospetti o soggetti che hanno collegamenti con le strutture per cerimonie indicate dalla recente ordinanza regionale.

“Il virus non è mai sparito e, soprattutto in questa fase, bisogna prestare la massima attenzione. La superficialità non è ammessa. Occorrono maturità e senso di responsabilità, perché una sola leggerezza può mettere a rischio la vita di centinaia di persone” – ha concluso Cimmino.

In generale, i nuovi casi di Coronavirus nel Napoletano, registrati negli ultimi giorni, si legano soprattutto ai rientri dall’estero.

Potrebbe anche interessarti